Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

L’amore misericordioso (Ultima domenica dopo l’Epifania)

In questo breve periodo liturgico, che sta tra l’Epifania e l’inizio della quaresima, ci è stata data l’occasione di riflettere su “chi è” Gesù e su “chi è” il Dio di cui Egli ci parla … e accorgerci che non sempre ci riconosciamo nel modo di “essere” del Signore.

Così, prima di inoltrarci nel cammino verso la Pasqua, ci viene ricordato che la “misericordia” non è un atteggiamento, una virtù, una caratteristica, che si può avere o non avere: essa è, invece, parte integrante della natura di Dio. E’ un modo di essere, non un modo di vedere!

La prospettiva a cui siamo abituati distingue infatti i vicini dai lontani, gli amici dai nemici, i santi dai peccatori, … ed è difficile riconoscere “ogni essere vivente”, guardare il mondo dal punto di vista di Dio. Si, accogliere il Signore domanda ad ogni uomo, e al credente in particolare, di cambiare prospettiva!

Può così servirci di esempio l’incontro di Gesù con Zaccheo; non è un incontro casuale, non è un incontro “ben visto”, non è un incontro “facile”, non è un incontro “banale” (in cui parlare del tempo o del più e del meno), non è un incontro che lascia le cose come stanno … E’ questo lo stile di Gesù! E’ questo il Signore!

E’ proprio l’amore misericordioso di Dio che rende possibile il cammino, la possibilità, per ogni credente, di riprendere in mano la propria vita verso la Pasqua, verso la “nostra pasqua”; perché anche noi impariamo a farci suoi discepoli e a riconoscere in “ogni vivente” il volto di Dio e fare pasqua

Domenica Ultima domenica dopo l’Epifania, detta “del perdono” – 6/7 febbraio
1.a lettura Siracide 18, 11-14: La misericordia dell’uomo riguarda il suo prossimo, la misericordia del Signore ogni essere vivente.
2.a lettura 2.a Corinzi 2, 5-11: Vi esorto quindi a far prevalere la carità.
Vangelo Luca 19, 1-10: “Il figlio dell’uomo, infatti, è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto”.