Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

A proposito

puntinaDieci anni fa circa ho ascoltato per la prima volta discorsi di quel tipo, che mi risultavano nuovi, e finalmente riempivano l’animo di prospettive d’ampio respiro. Ero per sbaglio arrivato al convegno di Capiago che ogni anno il Centro Aletti organizzava su una tematica teologica. Fu per me un fulmine a ciel sereno perchè finalmente trovavo in quelle parole, il quadro di riferimento che andavo cercando da tempo.

Era soprattutto la mia vita sacerdotale a trovare aria, spirito nuovo, ampie prospettive. Sarebbe arrivato in seconda battuta un apporto nuovo per la vita pastorale.

Sentivo parlare di chiudere con una mentalità passata basata sul dovere di fare qualche cosa per Dio; ascoltavo quel congedarsi da una vita spirituale proiettata sul fare e su proprio io; recepivo la bellezza della vita nuova scaturita dalla Pasqua e accolta con i sacramenti…

Chi ha sentito di persona padre Marko o ha potuto vederlo all’opera , sa che quelle parole scaturiscono da una conversione spirituale e poi artistica, da studio, dal lavoro e da quella comunione che si instaura con gli artisti. Quante energie sprecate, quanti tentativi andati male, quante iniziative con il fiato corto e quanti scoraggiamenti davanti a modesti risultati.

Mancava quella “vita secondo lo Spirito” che, pur presente, era nascosta sotto tanti obblighi, tanta carta,tanti programmi, tante abitudini o tante macerie. Ora invece, grazie agli amici del Centro Aletti e di padre Marko, giungevano e giungono gli aspetti essenziali della vita cristiana, senza orpelli o senza giri di parole: che la divina umanità di Cristo possa trasformare la nostra umanità in una “umanità divina” libera dal male e dalla morte. Fa piacere allora stare tra il Papa e i cardinali, ascoltando parole alte e vere, senza avere preso nessun treno e senza essere partito (per ora) alla volta di Roma.

don Norberto