Loading…

... sulla Tua parola - dal 7 febbraio

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

"La Santità in Zelia e Luigi Martin": se parlassero oggi alle coppie?

Domenica 17 febbraio chiesa santa Teresa (Bustecche) ore 15.00

Locandina

LA “FEDE” DI GESU’: GESU’ AVEVA LA FEDE, ERA UN CREDENTE COME NOI?

Incontro con don Luca Castiglioni - Domenica 24 febbraio ore 16.00 oratorio di Barasso

Info

Liturgia preparata - Tempo dopo Epifania

Ciclo di sei incontri a partire da martedì 29 gennaio alle ore 21.00

Info qui

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Ognuno la sua taglia

sartoEsistono dei luoghi o delle situazioni in cui ci sentiamo bene, direi particolarmente bene, ci sentiamo a nostro agio perché sentiamo “qualcosa”, non sappiamo nemmeno noi “cosa” e avvertiamo che quello è il nostro posto. Capita anche con l’incontro con persone che ci trasmettono qualcosa del divino, anche rimanendo in silenzio riescono a colmare il vuoto senza fondo che ci accompagna.Lo stesso leggendo i Vangeli, si può avvertire il medesimo sentimento, poiché ogni evangelista “parla” in modo differente toccando il cuore di ogni singolo: nelle loro diversità che li contraddistinguono trasmettono tutti e quattro la Parola che può arrivare ad ognuno di noi in modo diverso e creare un filo speciale con il Padre

E’ come quando dobbiamo acquistare un capo d’abbigliamento, un paio di pantaloni e dobbiamo misurarlo per trovare quello giusto per noi, la nostra “taglia”: fin quando la mano afferra quello che calza a pennello, che scivola via quando lo indossi, senza nessun difetto o fastidio, come se fosse lì per noi ad aspettarci.

Quando condividiamo con qualcuno momenti che, magari non hanno nulla di speciale nell’apparire ma, che sentiamo essere la nostra “taglia”,  credo sia il buon Dio che ci riveste per sostenerci, per rispondere al nostro aiuto.

“Questa ‘cosa’ è lì, vicinissima, mi accompagna ovunque, avvolge i miei pensieri senza entrare in ognuno di essi. La ‘sensazione’ di cui parlo e che non riesco a spiegare bene l’avverto fin dall’infanzia. Talvolta penso […]: “Aspetto. Aspetterò tutta la vita ! A volte, come questa mattina, mi dico pure: sono atteso. Non so dove, non so da cosa o da chi, ma sono sicuro di essere atteso”. Il mistero della vita è tutto qui.

Alessandra