Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Una linea

privacyEsiste una linea di demarcazione oltre la quale non si dovrebbe andare e dico, ‘dovrebbe’ e non ‘si deve’, perché non è una legge o una normativa ma, una semplice regola dettata dalla nostra coscienza: è la linea del rispetto. In molti luoghi pubblici ormai è facile notare sul pavimento una linea, quasi sempre gialla, tracciata solitamente con del nastro adesivo che rappresenta una netta demarcazione, un  confine oltre il quale non è opportuno passare.Appunto, non è ‘opportuno’, poiché tutela il rispetto della privacy di chi è davanti ad uno sportello che sia medico o bancario o altro. E’ molto triste notare che si debbano addirittura tracciare delle linee entro le quali rimanere quando dovrebbe venire solo da ognuno di noi il sapere quando è inopportuno compiere un passo di troppo.

Ma, se si oltrepassano le linee visibili, insperabile pensare di non vedere varcare quelle invisibili. Sembra superfluo ma, non lo è, ogni volta che quella linea non si nota tra due persone che parlano e di prepotenza si insinua la terza magari al solito suono di “scusate se vi interrompo” e, intanto “interrompe” e inizia, non curante degli altri,  a parlare di se.

Ne esiste un’altra, molto triste, in chiesa, che delinea uno spazio sacro, è l’angolo dove sacerdote e penitente si incontrano, dove solo il buon Dio può inserirsi e credo che, chi attende, dovrebbe capire da sé quale sia la giusta distanza da mantenere.

E’ un limite che si supera ogni volta che si insinua la cattiveria, l’ignoranza, la malizia e la menzogna o quelle cattive parole che feriscono la persona e, in una stanza dove si respira una simile aria, il buon Dio entra con grande tristezza, a fatica.

Se siamo cristiani, (se) veniamo da Cristo e in Lui viviamo, non abbiamo bisogno che ci vengano indicate delle linee di demarcazione oltre le quali non dobbiamo mai andare. Quando qualcuno passa il limite e calpesta la nostra ”linea” del rispetto, umiliandoci, veniamo invasi dall’amarezza, un sentimento complesso ma, essere in Cristo, è sentire che non  è l’amarezza di Pietro…..”E, uscito, pianse amaramente”.

Alessandra