Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Nelle faccende di chiesa

lenteVenerdì sera consiglio pastorale sul problema giovani. I componenti giovani delle quattro parrocchie hanno relazionato sulla nostra realtà giovanile. Abbiamo veramente dei bravi ragazzi che si occupano dei più piccoli nella nostra comunità; a tutti loro un ringraziamento. Domenica mattina a Casciago alla messa abbiamo accolto i bambini che riceveranno il battesimola prossima settimana e abbiamo dato il via al nuovo percorso di catechismo per la seconda elementare. Tanti bambini, tante famiglie nuove.

Papa Francesco martedì ha affermato durante la messa celebrata a Santa Marta che la comunità cristiana deve rinascere dallo Spirito Santo. Ci sono due segni per capire di essere sulla strada giusta: il disinteresse verso il denaro e il coraggio di testimoniare Cristo Risorto.  Quando c’è armonia nella Chiesa, c’è il coraggio di dare testimonianza del Signore risorto.

Queste parole mi hanno riportato a domenica pomeriggio, al  pellegrinaggio alla porta santa del Sacro Monte. Don Norberto ci ha guidato nella salita con meditazioni varie nelle decine del rosario e nel silenzio. Abbiamo calpestato i sassi schiacciando il male legato al nostro cognome, ai nostri genitori, ai nostri nonni; abbiamo pensato alle nostre fatiche, ai peccati legati ai sensi, al pensiero, alla bocca, al tatto, all’olfatto, abbiamo pensato ai peccati di omissione e anche ai peccati futuri. Abbiamo affidato tutto alla misericordia di Dio nel significativo passaggio sotto la porta, un passaggio veloce ma molto preparato e significativo anche ricco di emozioni. Il Parroco del Sacro Monte ci ha accolto con un benvenuto e ci ha elencato i pellegrini passati quel giorno: un gruppo di 150 sordomuti, un gruppo di 300 Suore salesiane, un gruppo di volontari dell’Unitalsi di Bollate e dopo di noi un gruppo di 80 coppie di fidanzati. Una giornata vissuta in armonia!

Il Cardinal Scola ha presieduto domenica l’eucarestia nella Basilica dei Santi Apostoli e Nazaro Maggiore nel centro di Milano tra le sedi dell’Università Statale e le grandi radianti come Corso di Porta Romana. “…Oggi parliamo in continuazione della pace anche perché, raramente, la società mondiale è stata sconvolta da venti di guerra e di terrorismo come in questa fase. Ma questa stessa pace deve trovare in ognuno di noi la pietra d’angolo su cui costruirla. La pace inizia nel nostro cuore, nella mente, nella nostra azione quotidiana, stando nella sequela di Gesù che ci aiuta a vivere bene i rapporti con Dio, con gli altri e con se stessi. Noi dobbiamo far trasparire la bellezza di Gesù risorto nel quotidiano e in ogni ambiente e circostanza. Nei rapporti facili e difficili, attraverso l’attuazione delle opere di misericordia corporale e spirituale, il tentativo del perdono, la costruzione di amicizia civica e di vita buona…”

Durante il Regina Celi domenica scorsa il pensiero di Papa Francesco è andato a tutte le popolazioni che più hanno sete di riconciliazione e di pace, soprattutto all’Ucraina e ha promosso un sostegno umanitario in loro favore. Avrà luogo una speciale colletta in tutte le chiese cattoliche d’Europa domenica 24 aprile prossimo. Invita tutti i fedeli ad unirsi a questa iniziativa con generosi contributi.

Lunedì mattina a Santa Marta, giorno dell’annunciazione, Papa Francesco ha ricordato che il “Sì” per il cristiano è l’unica risposta alla chiamata di Dio. Non ci deve essere mai l’atteggiamento di chi fa finta di non capire e si gira dall’altra parte. Un sì convinto lo hanno pronunciato i sacerdoti che hanno concelebrato con il Papa nel loro cinquantesimo di ordinazione e anche le religiose vincenziane che lavorano a Santa Marta hanno rinnovato i voti. “…E’ una bella giornata per ringraziare il Signore di averci insegnato questa strada del “sì”, ma anche per pensare alla nostra vita. Tutti noi, durante ogni giorno, dobbiamo dire sì o no, e pensare se sempre diciamo sì o tante volte ci nascondiamo, con la testa bassa, come Adamo ed Eva per non dire no facendo finta di non capire quello che Dio chiede…”.

Terminata la catechesi sulla misericordia, all’udienza del mercoledì Papa Francesco ha iniziato a meditare su come Gesù stesso l’ha portata al suo pieno compimento. “… Incontrando le folle, annunciando il Vangelo, guarendo gli ammalati, avvicinandosi agli ultimi, perdonando i peccatori, Gesù rende visibile un amore aperto a tutti: nessuno escluso! Un amore che raggiunge il suo culmine nel sacrificio della croce.

Tutto quanto Gesù ha compiuto dopo il battesimo è stato la realizzazione del programma iniziale: portare a tutti l’amore di Dio che salva, un amore grande, un cuore aperto per tutti, per tutti noi! E’ sulla croce che Gesù presenta alla misericordia del Padre il peccato del mondo. Tutti siamo peccatori, ma tutti siamo perdonati: tutti abbiamo la possibilità di ricevere questo perdono che è la misericordia di Dio. In questo anno giubilare, continua Papa Francesco, chiediamo a Dio la grazia di fare esperienza della potenza del Vangelo: Vangelo della misericordia che trasforma…”

Stefania