Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Il risultato di una espressione

espressioneMi si è presentata davanti agli occhi la mia vita come un’ espressione matematica, proprio come quelle che si scrivono sulla lavagna, da svolgere, alla ricerca del giusto risultato. E’ proprio così che stranamente e, devo dire, con stupore, mi è venuto da rileggerla, forse perché non mi ritrovo con quel risultato finale che pensavo e nel quale avevo creduto. E’ come se il susseguirsi degli anni, del tempo, riapparisse tracciato da un gesso bianco su una parete nera: una storia, un’unica storia ma, suddivisa in tante parentesi che continuamente si aprono e si chiudono  determinando un inizio e una fine: alcune facili da risolvere altre complesse, alcune con risultato positivo altre invece negativo o altre ancora con il risultato che non torna e sulle quali ci si sofferma a cercare l’errore.

Infine, le peggiori, quelle vuote, dove il bianco gesso non riesce a scrivere più nulla, è la parentesi dell’indifferenza, l’arma che uccide più di qualsiasi proiettile, la peggiore.

“Non voltarti indietro troppo, guarda avanti, segui solo Lui e continua a camminare”, è così che mi ha detto un uomo di Spirito, a farmi vedere che la mia Vera “parentesi” sono le mani aperte del buon Dio, è solo in quell’abbraccio che è scritta e racchiusa la mia vita. ”E nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa. Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia la troverà”.

Alessandra