Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Capire: un Dio “nuovo” (5ª di Pasqua)

Tutti riconoscono che l’amore per il prossimo è un gesto “nobile” … ma sono pochi coloro che ritengono utile costruirci attorno una esistenza e tantomeno una “polis”; e sono ancora meno coloro che riconoscono in Gesù il “motivo” e il fondamento di questo modo di vedere la vita.

Così il comandamento “nuovo” non riguarda la forma del vivere e del condividere con gli altri ma il motivo per cui “dare la vita” (come ci ricorda il contesto in cui Gesù si confida con i discepoli, dopo l’uscita di Giuda); è questo il legame “nuovo” a cui il Signore invita i discepoli!

Si, “dare la vita” (come Gesù) è la scelta “nuova”: essa non ha niente a che vedere con quello che ci viene spontaneo e naturale. E, come ci ricorda Paolo, la “carità” è una scelta con cui si afferma uno stile di vita: essa non è “elemosina” ma, soprattutto, “giustizia”, capacità di trovare la strada migliore perché vi sia “pace”.

Siamo così invitati a guardare avanti partendo da Gesù; chiamati ad accogliere i doni dello Spirito, perché guidi i nostri passi a “dare la vita”, a “fare” il regno che Dio ci dona; a dare concretezza ogni giorno alla “vita nuova” ricevuta nel Battesimo … perché “da questo tutti sapranno che siete miei discepoli”.

Domenica 5ª domenica di Pasqua – 23/24 aprile
1.a lettura Atti degli apostoli 4, 32-37: Con grande forza gli apostoli davano testimonianza della resurrezione del Signore Gesù e tutti godevano di grande favore.
2.a lettura 1ª Corinzi 12, 31 – 13, 8a: La carità è magnanima, benevola è la carità; non è invidiosa, non si vanta, non si gonfia di orgoglio, non manca di rispetto, non cerca il proprio interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non goge dell’ingiustizia ma si rallegra della verità.
Vangelo Giovanni 13, 31b-35: “Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri”.