Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Due esperienze fuori programma

puntinaUna bella infilata! In brevissimo tempo due esperienze spirituali: il 23 aprile il ritiro con padre Fausto, carmelitano, a Cassano Valcuvia e, a seguire, tre giorni a Fatima. Il ritiro spirituale completava ciò che si era fatto il 7 dicembre scorso, il giorno prima che iniziasse il giubileo. Siamo stati aiutati, sempre da padre Lincio, a scoprire la grandezza del dono fatto da Dio a Teresa di Lisieux. Quella esperienza intensa che ha coinvolto cinquanta persone è diventata immediatamente una richiesta: “Che dici, padre Fausto, di fare una giornata analoga, magari su … Teresa di Avila?”. Poteva rifiutare questo appello un… carmelitano? Così si è pensato di collocare una seconda giornata di ritiro che non era prevista nel calendario del”anno. Abbiamo così pensato di “incastrare” la proposta il sabato precedente il battesimo di sant’Agostino, avvenuto il 24 aprile 387. E’ stata la parola “conversione” a guidare la giornata perchè Teresa, avendo letto le Confessioni di Agostino, rompeva con una vita religiosa opaca e morta dando inizio ad un prodigioso cambiamento di rotta.  Così con quaranta persone ci siamo messi alla scuola della santa di Avila, potente donna resa tale dalla grandezza di Dio. Chissà se si potrà andare nei luoghi di santa Teresa in un pellegrinaggio specifico… Atteniamoci al famoso  proverbio che riguarda le rose e le fioriture!

Ma Fatima parla! Non è la prima volta che passo per quel santuario anche se la prima volta feci molta fatica (come si sa sono molto legato a Lourdes!). Bene, anche questi tre giorni non erano nel calendario! La proposta è nata in “corso d’opera” per offrire un regalo originale a suor Beniamina e suor Eleonora che, dopo tanti anni, lasciavano l’asilo e la parrocchia di Morosolo. Era forse l’unico modo perchè “usufruissero” di un regalo che diventava così una esperienza. Con altre ventisei persone si è creato un piccolo gruppo che ha favorito un clima perchè le due suore si sentissero parte della comunità pastorale anche se da qualche mese vivono a Monte Marenzo, nei pressi di Lecco. Messaggio forte e pieno di luce quello consegnato a tre bambini nel 1916 (attraverso le apparizioni di un angelo) e nel 1917, con le sei apparizione della Madonna. Sì il male, la guerra, la sofferenza, il peccato, i peccatori, la Russia, l’inferno …ma soprattutto il cuore, Maria, il figlio Gesù, la misericordia, la Trinità, la santità, la preghiera, il sacrificio. Ad un uomo che se ne è andato via da casa lasciandosi ingannare e credendo che lontano da casa poteva esserci la libertà, ecco un messaggio per il ritorno a casa. Il male che fa diventare l’uomo ladro di carrube, il cibo dei maiali, trova Maria a contrastarlo con un intervento chiaro al fine di risvegliare negli uomini il profumo di casa, dove qualcuno aspetta. Ci siamo resi conto di come l’immagine della discesa agli inferi (presente nella nostra chiesa)  racchiuda bene quel messaggio che Maria ha consegnato ai pastorelli mostrando loro dove l’uomo continuamente ” si caccia” e facendo però arrivare una parola di luce e di benevolenza. Diciamo che i 500 metri quadrati del mosaico, fatto da un certo Rupnik, ha permesso di comprendere meglio che già siamo nella piazza d’oro descritta nell’Apocalisse, piena della comunione e della santità di tanti uomini e tante donne.

Due esperienze non nel programma dell’anno ma nate per caso! Ma come possiamo parlare di caso quando c’è in ballo il buon Dio?

don Norberto