Loading…

Barasso per San Nicone

Lunedì 22 aprile 2019 - Pellegrinaggio a piedi a San Nicone a Besozzo

Informazioni

Oratorio Estivo 2019

dal 12 giugno al 12 luglio

Volantino

Gita pellegrinaggio a Chiampo e Schio

giovedì 25 aprile 2019

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Lo spirito delle cose

carteCARTE IN BIANCO E NERO
Ci sono immagini che rimangono impresse in modo speciale, che tornano davanti agli occhi per farsi rileggere, per trasmettere qualcosa che in realtà non si percepisce ed è forse per quello che tornano alla mente. Proprio come nei film, quando la cinepresa rallenta e mette in primo piano un dettaglio che nasconde il senso di tutta la storia, senza la necessità di un dialogo.

Immagino che tutti nella vita, almeno una volta, abbiamo fatto una partita a carte, un gioco che ha la capacità di unire generazioni, mani piccine e mani scritte dal tempo che si intrecciano magari anche solo per costruire un castello. E’ così che rimane  impressa negli occhi un’immagine: un semplice mazzo di carte su un tavolo e quelle mani di colore diverso, chiare e scure, proprio come quelle carte, rosse e nere, che si alternano nel girarle in un’atmosfera incredibile.

Mani di prete che impartisce i sacramenti ogni giorno, che ha messo tutta la sua vita nelle mani del Signore e mani di uomini che pregano una religione diversa, tutte unite da un “semplice” mazzo di carte. Il buon Dio non ci ha chiesto di fare nulla di grande ma ci ha solo detto “Questo è il mio comandamento: che vi amiate come io ho amato voi”.

Credo che il Padre abbia visto quella partita a carte e si sia compiaciuto di suo figlio che nel segreto di una stanza, senza fare nulla di speciale, rispondeva al Suo comandamento.

“Solo attraverso il dialogo potremo eliminare l’intolleranza e la discriminazione. Il dialogo interreligioso è una condizione necessaria per la pace nel mondo. Non dovremmo smettere di pregare per questo e collaborare con chi la pensa diversamente. Confido in voi per diffondere la mia petizione perché il dialogo sincero fra uomini e donne di religioni differenti porti frutti di pace e giustizia. Molti pensano in modo diverso, sentono in modo diverso. Cercano Dio o trovano Dio in diversi modi. Alcuni si dicono agnostici, non sanno se Dio esiste o no. Altri si dichiarano atei. In questa moltitudine, in questa ampia gamma di religioni o assenza di religioni, vi è una sola certezza: siamo tutti figli di Dio” (Papa Francesco).

Un piccolo mazzo di carte può nascondere il grande dono di unire delle mani e lasciare impresse immagini riprese dall’Alto.

Alessandra