Loading…

Avvento 2018

Proposte per l'Avvento 2018

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Lo spirito delle cose

vacanzaVIAGGIO CON L’ESSENZIALE
Aria di vacanze, tempo di valigie!  Dal momento in cui si pianifica e si decide la destinazione del viaggio, si incomincia anche a pensare alla fatidica valigia che, a volte, si può trasformare in una vera e propria “sfida”.Guardando indietro nel tempo, tornano alla mente le vacanze di villeggiatura, quando famiglie intere, il più nonni con nipoti, si trasferivano dalle città, svuotandole, per raggiungere luoghi freschi ed abbandonare l’afa opprimente.

Quando le fabbriche chiudevano si vedevano interminabili biscioni di automobili talmente cariche che sembrava quasi strisciassero: credo che ai tempi il codice della strada fosse diverso perché quei “muli” con le ruote oggi non si vedono più. Non si capiva se andassero in vacanza o se traslocassero!

Invece, se si pianifica un viaggio con l’aereo, sarà la compagnia stessa a porci dei limiti, perché la nostra valigia dovrà rispettare pesi e misure e questa è la parte più divertente. Sì, perché, solitamente dopo averla riempita di ogni e dopo esserci seduti sopra per riuscire a chiuderla scopriamo che … pesa troppo!! E così iniziamo a “svuotarla”, il superfluo può, o meglio, deve,  rimanere a casa.

Esiste un Altro viaggio, incredibile, di quelli che non si comprano in agenzia ma si ricevono in dono … La destinazione è un Mistero, si vola Alto e non occorrono valigie si viaggia leggeri, perché nulla occorre e nulla mancherà.

Poi disse loro: “Quando vi ho mandato senza borsa, né sacca, né sandali, vi è forse mancato qualcosa?”. Risposero: “Nulla” (Lc 22,35).

Ci sono dei momenti nella vita in cui avvertiamo che “quel” viaggio lo stiamo già facendo e che ciò che portiamo con noi è rinchiuso solo nel nostro cuore.

“Mi procurerò uno zaino e porterò con me lo stretto necessario, poco, ma tutto di buona qualità. Mi porterò una Bibbia. Non mi porterò ritratti di persone care, ma alle ampie pareti del mio io interiore voglio appendere le immagini dei molti visi e gesti che ho raccolto, e quelle rimarranno sempre con me. Mi sento soltanto nelle braccia di Dio” (Etty Hillesum).

Buon viaggio …

Alessandra