Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Nelle faccende di chiesa

lenteDurante l’Angelus di domenica scorsa a San Pietro in riferimento al vangelo di Zaccheo Papa Francesco ha sottolineato che “…lo sguardo di Gesù va oltre i peccati e i pregiudizi; vede la persona con gli occhi di Dio, non si ferma al male passato, ma intravede il bene futuro; Gesù non si rassegna alle chiusure, ma apre sempre, sempre apre nuovi spazi di vita; non si ferma alle apparenze, ma guarda il cuore. A volte noi cerchiamo di correggere o convertire un peccatore rimproverandolo, rinfacciandogli i suoi sbagli e il suo comportamento ingiusto. L’atteggiamento di Gesù con Zaccheo ci indica un’altra strada: quella di mostrare a chi sbaglia il suo valore, quel valore che Dio continua a vedere malgrado tutto, malgrado tutti i suoi sbagli. Questo può provocare una sorpresa positiva, che intenerisce il cuore e spinge la persona a tirare fuori il buono che ha in sé…”

Il cardinale Scola domenica  in Duomo ha presieduto la Celebrazione eucaristica per rendere grazie della Canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta. Madre Teresa parlava delle sue consorelle come persone che amano Gesù e trasformano in azione vivente questo loro amore. Se facciamo così ogni giorno, in ogni ambiente, la nostra vita si fa piena. Nel sì totale Madre Teresa sperimentò il miracolo della vera gioia, raccomandava sempre alle sue figlie “Ricordatevi che la Passione di Cristo sfocia sempre nella gioia della Sua risurrezione”.

Durante il suo breve viaggio in Svezia il Papa ha reso grazie a Dio per la commemorazione congiunta dei 500 anni della Riforma consapevoli che l’unità dei cristiani  è una priorità, perché riconosce che tra di noi è molto più quello che ci unisce di quello che ci separa. Luterani e cattolici in spirito di comunione hanno rivolto il loro sguardo all’unico Signore Gesù Cristo.

Pensare alla santità come accessibile a noi umani mi sembra un modo per essere sempre più vicina a Dio. Don Norberto durante la festa di tutti i santi ci ha detto che siamo avvolti dalla santità di Dio quando ci lasciamo amare da Dio, come nel momento in cui un bambino viene battezzato, vive completamente la vita di Dio.

Don Giuseppe al pomeriggio durante l’omelia della santa messa al cimitero ha letto un pezzo delle lettere del Petrarca “L’ascesa al Monte Ventoso”, le difficoltà del Petrarca nella salita si riferiscono agli ostacoli da superare per raggiungere Dio, la strada per raggiungerlo è quella delle Beatitudini, una strada non in pianura, ma sempre in salita!

Anche il Papa dalla Svezia ci ha ricordato che santi non sono solo quelli che sono stati proclamati tali nel corso della storia, ma anche tanti nostri fratelli che hanno vissuto la loro vita cristiana nella pienezza della fede e dell’amore attraverso un’esistenza semplice e nascosta, tra questi anche molti dei nostri parenti, amici e conoscenti.

Celebriamo quindi la festa della santità che a volte on si manifesta in grandi opere o in successi straordinari. Una santità fatta di amore per Dio e per i fratelli, amore fedele fino a dimenticarsi di se stesso e a darsi totalmente agli altri, come la vita di quelle madri e quei padri che si sacrificano per le loro famiglie sapendo rinunciare volentieri a tante cose, a tanti progetti, a tanti programmi personali.

E anche il Card. Scola in Duomo ha ribadito che la santità non è un privilegio di pochi, ma una convocazione per tutti a cui ogni uomo e i battezzati in modo speciale, sono chiamati.

Queste riflessioni sulla santità penso siano utili anche per affrontare la “terza fase” che sta iniziando la nostra comunità. Partecipiamo domenica all’assemblea in chiesa a Casciago, ascoltiamo la voce dello Spirito!

Stefania