Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

I soliti problemi

adriano 2621DONNAMOGLIEMADREAMICA
Mi guardo intorno: pareti bianche senza porte e finestre. Batto i pugni sul muro, lì dove li ho battuti mille volte. C’è solo un foro in alto dove penetra un po’ di luce ma arrivarci è impossibile, non ci sono né sgabelli, né scale né mobili su cui arrampicarsi. Me ne sto lì, con lo sguardo basso a pensare pensieri già pensati, a desiderare una via d’uscita che non c’è. Non mi arrabbio neppure più, non serve e fa male. Eppure non riesco a rassegnarmi, non riesco a non trovare fredde e anonime queste quattro mura. Sono un impedimento, un intralcio, una negazione della mia libertà. Ognuno di noi ha problemi che si ripresentano quotidianamente, ripetitivi e sempre uguali. Monotoni e banali, forse, ma potenti nella loro ossessiva presenza. Ne abbiamo discusso mille volte con più persone magari  ma gira e rigira, si torna sempre al punto di partenza. È una battaglia persa in partenza che però vorremmo tanto, se non vincere, almeno poter combattere. E invece no. Ogni giorno il problema è lì, insormontabile e beffardo. Impone la sua indesiderata presenza, logora le forze e lacera il cuore. E noi lo affrontiamo, magari con malcelato fastidio ma ce ne prendiamo carico, ancora una volta. E una volta ancora. E ancora…..in un susseguirsi di tentativi vani, di scatti di ribellione, di tolleranza forzata. Quanta fatica, quanti sforzi. Un’unica certezza: l’immutabilità del problema. Non ho ancora scoperto come uscire all’aria aperta ma per adesso ho colorato le pareti nascondendo il  bianco che isola e smarrisce. Adesso vado avanti  con un po’ di colore intorno… e anche oggi ce l’ho fatta!

Daniela