Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Scegliere

adriano 2621DONNAMOGLIEMADREAMICA
Un mese fa ho dovuto prendere una decisione difficile: restare e accettare una situazione ipocrita e sbagliata o andarmene e lasciare il noto per l’ignoto. Ho scelto la seconda strada. Ho pronunciato un no forte e chiaro, un no perentorio e definitivo. Decidere di cambiare percorso, di affrontare una novità che poteva non essere positiva, non è stato facile. Tanti dubbi hanno affollato la mia mente, tante preoccupazioni, tanti piccoli e grandi timori. Farò la scelta giusta? Il prezzo da pagare è ragionevole o è troppo alto? E soprattutto….chi lo pagherà? Quando si sceglie di cambiare non ci sono certezze, nessuno può garantirti che andrà tutto bene. Puoi solo fidarti del tuo cuore e delle persone che ami. Se il no è un gesto pubblico ti espone a critiche, commenti malevoli, sospetti. Quando va bene, la tua scelta diventa una chiacchiera da bar, quando va male le parole aspre e senza comprensione ti arrivano dritte come frecce e ti feriscono. Il primo prezzo da pagare è un po’ di solitudine: si esce da un cerchio di incontri quotidiani e rassicuranti  e si entra in un altro giro più freddo e impersonale dove non sei conosciuta e riconosciuta. Ma questo è il meno. L’esigenza più ansiogena è quella di interpretare ogni sguardo, ogni evento, ogni sospiro e ogni commento per verificare la bontà della scelta. Per una persona come me che ama le sue abitudini e la sua tranquillità, è stato un evento stressante e faticoso. Eppure….mi sono sentita bene con me stessa perché, per una volta, non sono scesa a patti, non ho fatto finta che andasse tutto bene, non ho fatto scelte di comodo. Ho esercitato la mia libertà. La libertà di dire no.

Daniela