Loading…

Festa di Sant'Eusebio 2018

31 luglio - 1 agosto 2018

Info

Orario estivo S. Messe

Orario estivo S. Messe festive da domenica 21 luglio 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Nelle faccende di chiesa

lenteIn una celebrazione può mancare l’organo, la musica, importante che non manchi mai Gesù, altrimenti che tristezza… noi ci riuniamo tutte le domeniche perché Lui è al centro! Queste alcune parole dell’omelia di Don Norberto. Domenica scorsa a Casciago durante la messa con i bambini del secondo anno di catechismo, un seminarista ha fatto la sua testimonianza. Don Stefano al quinto anno di seminario ha lasciato un impegno per i ragazzi durante la settimana: essere di servizio o in famiglia o a scuola. A noi adulti ha chiesto invece di essere, riferito a Gesù a cavallo di un asino, come asinelli che portano Gesù agli altri.

In questo periodo che precede il Natale siamo sempre preoccupati di acquistare doni alle persone a noi care, ringrazio il Papa, il Vescovo che ci ricordano l’autentico significato del Natale.

Durante l’Angelus domenica scorsa il Papa ci ha chiesto in questo tempo di Avvento di lasciarci guidare dall’esortazione del Battista: “…Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Noi prepariamo la via del Signore e raddrizziamo i suoi sentieri, quando esaminiamo la nostra coscienza, quando scrutiamo i nostri atteggiamenti, per cacciare via questi atteggiamenti peccaminosi, che non sono da Dio: il successo a tutti i costi; il potere a scapito dei più deboli; la sete di ricchezze; il piacere a qualsiasi prezzo…”.

Anche il Cardinal Scola in Duomo ci ha consigliato di rispondere all’amore gratuito di Gesù con altrettanta generosità. Chiediamoci se il nostro rapporto con Lui è personale e tendenzialmente quotidiano, se Cristo è presente nella vita dentro e non accanto, non per episodi o gesti, per quanto sublimi, ma radicalmente così che in tutti gli ambienti dell’umana esistenza sia Lui a muovermi. Questa è l’obbedienza alla nostra vocazione di cristiani.

Spesso nella vita quotidiana mi scoraggio davanti a difficoltà a volte anche piccole, cerco sempre però di non perdere la speranza. Questa settimana il Papa all’udienza generale del mercoledì ha trattato il tema della speranza cristiana “…ne abbiamo tanto bisogno in questi tempi che appaiono oscuri, in cui a volte ci sentiamo smarriti davanti al male, davanti al dolore di tanti nostri fratelli. Ci sentiamo smarriti, impotenti e ci sembra che il buio non debba mai finire, ma non bisogna lasciare che la speranza ci abbandoni, perché Dio con il suo amore cammina con noi, cammina e ci porta per mano..”.

La speranza ci insegna a sorridere per trovare quella strada che conduce a Dio, una delle prime cose che accadono alle persone che si staccano da Dio è che sono persone senza sorriso. Impariamo a camminare per la strada sorridendo e dando speranza a tutte le persone che incontriamo! Il Signore viene a salvare e non a giudicare, perciò il giudizio di Dio ci porta a questa speranza di essere salvati.

Stefania