Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Il tempo che viviamo (6)

La tradizione ambrosiana, ormai al termine del cammino di Avvento, pone alla nostra attenzione il momento storico in cui il progetto di Dio sull’uomo si fa concreto attraverso la risposta di Maria, la “figlia di Sion”.

Siamo così invitati a rileggere, e fare nostra, la storia di Dio con l’uomo dall’inizio, dalle origini, dalle motivazioni e dall’incontro di Maria con il progetto del Signore; un incontro che avviene nel contesto della “storia della salvezza”, quando il progetto di Maria e Giuseppe è già avviato, quando l’attesa del Salvatore è reale, quando il Signore propone a Maria e Giuseppe una strada “nuova”: farsi “grembo” per Dio.

Che la “via” del Signore passi da uomini che non vivono “secondo il mondo”, come Giovanni, come Giuseppe e come Maria, da luoghi come Nazareth o da quelli in cui viviamo noi, ci aiuta a comprendere che la “pace” (che è il dono di Dio) ha bisogno di persone che accolgono il progetto di Dio e si fanno “grembo”.

Le parole di Isaia, di Paolo e di Luca ci mostrano un contesto e un tempo non molto diverso da quello che viviamo: e come allora un Dio che opera, che sceglie, che incontra, che si fa compagno di cammino. Maria ci è di esempio: non conosce la “via”, ma sa che vale la pena fare spazio al progetto di Dio, mettersi “a disposizione”.

Diventa allora importante l’invito di Paolo a “prendere in considerazione” tutto quello che è “vero”, “giusto”, “puro” e “bello”: non è solo l’augurio per un uomo “nuovo”, ma anche la prospettiva a cui il Signore ci introduce con il dono di Gesù. Egli, scegliendo di venire ad abitare in mezzo a noi, ha fatto “pace”; ha mostrato a tutti la “via” e il volto del Padre.

Al termine dell’Avvento l’incontro con Maria ci da l’occasione di riprendere con gioia il cammino; di tornare a considerare attuale la proposta di Dio di essere “grembo”, costruttori di “pace”, uomini “nuovi”; ad immagine e somiglianza di Dio.

Buon cammino di Avvento!

Domenica Domenica dell’incarnazione (o della divina maternità di Maria) – Sesta domenica di Avvento – 17/18 dicembre
1.a lettura Isaia 62, 10 – 63, 3b: Ecco JHWH lo fa sentire sino all’estremità della terra: Dite alla figlia di Sion: “Ecco, arriva il tuo salvatore; ecco il risarcimento è con lui e la sua ricompensa lo precede”.
2.a lettura Filippesi 4, 4-9: In conclusione, fratelli, quanto è vero, quanto è onorevole, quanto è giusto, quanto è puro, quanto è piacevole, quanto è onorato, se vi è qualche virtù e se vi è qualche lode, questo prendete in considerazione.
Vangelo Luca 1, 26-36a: Maria allora disse: “Ecco la serva del Signore: mi avvenga secondo la tua parola”.