Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Cosa è accaduto il 29 gennaio

puntinaProsegue quel percorso iniziato il 6 novembre con una assemblea, al fine di entrare  nelle “terza fase”, quella in cui “il Signore sia presente, sia Lui a parlare, sia Lui a stare tra le nostre attività”. Direbbe qualcuno: “Tutto qui?”. Eppure, forse, non è così scontato come sembra!Un bel numero di persone si e ritrovato domenica 29 gennaio, all’interno della festa della famiglia, dividendosi in sette gruppi, come sette erano i verbi consegnati a novembre: “Ascoltare, parlare, rimanere, mangiare, camminare, vedere, ricordare“. Qualche gruppo piccolo, qualche gruppo troppo numeroso (era forse necessario suddividersi); 45 minuti sono stati giusti per alcuni gruppi, troppi per altri.

Per qualcuno è stata l’occasione per cominciare  a “curare” il proprio verbo, per altri l’opportunità di iniziare a dire ciò che è nato nel cuore. Due piccole risonanze a partire da due verbi. Potremo, in un secondo momento, riportare qualche breve battuta di altri gruppi.

RICORDARE
Ecco alcune indicazioni uscite dal piccolo gruppo di sul verbo “ricordare”. La comunicazione ha permesso di mettere in luce alcuni  richiami della parola di Dio.

Due persone hanno manifestato la loro difficoltà sul verbo, una avrebbe preferito un altro verbo, questo non l’ha aiutata a meditare.
Utile il ricordo di una frase del Profeta Amos capitolo 8, 12: ” Allora andranno errando da un mare all’altro e vagheranno da settentrione a oriente,
per cercare la parola del Signore, ma non la troveranno”:
che lo ha accompagnato nella sua vita e che lo porta alla ricerca della Parola del Signore.
Interessante il richiamo all’ultima frase del Libro del Siracide della lettura di questa mattina “Ricordati della tua fine e non cadrai mai nel peccato”.
Si è fatto cenno al verbo “serbare” così come viene spesso riferito a Maria.
Anche il buon ladrone è rientrato  nella ricchezza di questo verbo attraverso il suo “Ricordati di me”.
Papa Francesco, è stato detto, venerdì ha parlato della veste del cristiano fatto di “fare memoria, disperare”.

Condividere con gli altri la Parola di Dio mi è sempre utile e mi porta ad affrontare con più serenità la mia vita quotidiana.

Simona

MANGIARE
Un piccolo gruppo intorno al verbo Mangiare, eravamo in dodici, bello pensare che è proprio così che … iniziò e, proprio per questo, non possiamo fermarci qui. Come dovrebbe, o meglio, deve essere: i discepoli e solo il Maestro al centro.

Stupore e curiosità,  belle emozioni che ho colto sui volti, una fede come la brace che rimane rovente anche quando il fuoco si spegne, ricercatori di Dio, ognuno con il proprio passo e le proprie domande ma con il desiderio di essere stimolati.

Ma, è anche vero che il discepolo si nutre camminando e forse, è arrivato il momento di ‘affrettare’ il passo, per non rendere l’Attesa passiva e provare a sentirci come Zaccheo che “corse avanti per poterlo vedere” o come i discepoli davanti al sepolcro “correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce …”.

E se la strada fosse proprio questa?  Sarebbe un po’ come battere il Male sul tempo!

Fulvia

 

Ed ora?
Ci si è lasciati invitando le persone a trovarsi liberamente, negli orari più disparati, nella settimana che precede  la domenica delle palme.
Si è comunicato che la via crucis  non sarà più al venerdì santo ma alla sera della domenica delle palme. Si effettuerà, probabilmente, attorno a sant’Eusebio a partire dai sette verbi.
Altra ripresa sarà all’interno del pellegrinaggio di maggio al sacro monte.
Si è suggerito di iniziare a pensare a cosa significa augurare “buona pasqua”: invito ad usare le fotografie del mosaico per scrivere “particolari” auguri di credenti.

Poi “che Dio ce la mandi buona”!

don Norberto