Loading…

Preghiera per padre Maccalli

Mercoledì 26 settembre alle ore 20:45, preghiera per Padre Maccalli, nella cappella dell'oratorio di Casciago

Read more

Iniziamo... insieme!

Anno oratoriano 2018-2019 - Festa della Comunità dal 27 al 30 settembre 2018

Programma

Proiezione film: Maria Maddalena

Giovedì 27 settembre 2018 ore 21.00 - Oratorio di Casciago

Locandina

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

“La certezza” di Newman

Era il febbraio 2014 quando abbiamo iniziato la rubrica dal nome “Perle in giro”, arrivando al 100^ libro suggerito, con un piccolo pensiero. Nessuno si sarebbe immaginato che dalla “perla numero 1” si arrivasse allo stesso numero con “due zero”! Qualche lettore amico ci ha suggerito di riprendere dall’inizio questa segnalazione perché… “ricominciando si impara”! Siamo alla n.2.

 

“I miracoli da soli non convincono nessuno. Se parti da un pregiudizio, niente di quel che accade ti può convincere. Nemmeno un miracolo. Potrai sempre trovare una spiegazione alternativa. Pensa alle migliaia di persone che videro i miracoli di Cristo: quanti lo seguirono alla fine ? Al contrario, se parti da un’ipotesi corretta, anche dei piccoli segni sono sufficienti per essere certi. Per questo succede talvolta che persone molto semplici, come contadini o analfabeti, siano in possesso di grandi certezze e di una visione più chiara delle cose. La verità ha un grande vantaggio su ciò che  è falso. La verità è reale. Le false convinzioni non superano la prova della realtà: la realtà proverà che sono false. Ed è per questo motivo che la verità può essere raggiunta da chi la cerca, qualunque sia il punto di partenza: non importa da dove un uomo inizi, a condizione che abbia gli occhi e il cuore aperti alla verità.

Dio si manifesta in molti modi e noi siamo capaci di riconoscere la Sua presenza, perché siamo stati dotati di uno strumento, una guida personale che è più vicina a noi di qualsiasi altro mezzo di conoscenza: la nostra coscienza. La coscienza è ciò che ci spinge a cambiare. Io ho accettato che ciò in cui credevo venisse trasformato da ciò che stava accadendo nella mia vita. Vivere è cambiare, ed essere perfetti è cambiare spesso. Io non posso farti cambiare: solo tu sai che cosa ti soddisfa veramente. Quello che io posso fare è raccontarti la mia storia.”

Fr Richard DuffieldIl Beato J. H. Newman ha vissuto per circa quarant’anni nell’Oratorio di Birmingham.La sua presenza nella casa, perfino oggi, a 120 anni dalla morte, è ancora profondamente tangibile. Nel giorno della sua beatificazione, il 19 Settembre 2011, Papa Benedetto XVI è stato il primo pellegrino a pregare nel santuario del del Beato J.H.Newman, nella cappella in cui lui stesso pregava e celebrava la messa quotidianamente e dove la comunità oratoriana da lui fondata si riunisce, ancora oggi, due volte al giorno per pregare.  Ma se Newman era il terreno fertile, egli era anche il seme. Possano le parole di questo volume permettere al Beato J.H.Newman di parlare a voi, oggi; e ancor di più permettere alla sua conoscenza e al suo amore per Dio di raggiungere, attraverso di lui, i vostri cuori. (Rev. Richard Duffield, dalla prefazione)

 “….dobbiamo imparare dalle tre conversioni di Newman, perché sono passi di un cammino spirituale che ci interessa tutti. La forza motrice che  spinse Newman lungo il suo cammino di conversione è la coscienza …..la capacità dell’uomo di riconoscere la verità. Il cammino delle conversioni di Newman è un cammino della coscienza. Dove avviene una tale conversione, non cambia semplicemente una teoria, cambia la forma fondamentale della vita. Il motto del Cardinale Newman, “il cuore parla al cuore”.

beatonewmanCi permette di penetrare nella sua comprensione della vita cristiana coma chiamata alla santità, sperimentata come l’intenso desiderio del cuore umano di entrare in intima comunione con il Cuore di Dio”.   (Benedetto XVI, 20 dicembre 2010) “Newman è stato uno che si è convertito, uno che si è trasformato, e in tal modo è sempre rimasto lo stesso, ed è sempre di più diventato se stesso”. (Card. Joseph Ratzinger, 20 aprile 1990)

Alla fine del 1832 Newman parte per un viaggio nel Mediterraneo, qui si ammala gravemente: è la sua terza grande malattia, la terza volta che viene visitato dalla “mano di Dio”. Una volta guarito ritorna a casa, riflettendo sul significato di quel drammatico viaggio, durante la navigazione che lo riporta in Inghilterra scrive il famoso inno:

Guidami, o luce benevola
Guidami, o luce benevola
tra le tenebre che mi circondano,
guidami Tu!
La notte è buia e io sono lontano da casa,
guidami Tu!
Sostieni il mio cammino;
non chiedo di vedere l’orizzonte lontano;
un passo alla volta è ciò che mi basta.
Non sono sempre stato così, né ho pregato
perché Tu mi guidassi.
Amavo far le mie scelte e conoscere il cammino, ma ora,
guidami Tu!
Amavo i giorni vistosi, nonostante le paure,
l’orgoglio dominava la mia volontà:
non ricordare più gli anni passati.
La Tua potenza mi ha benedetto per così lungo tempo,
senza dubbio.
Essa mi guiderà ancora, attraverso lande e paludi,
rocce e torrenti, fino a quando la notte sarà trascorsa
e, con il mattino, tornerà quel sorriso angelico,
che per tanto tempo ho amato,
ma che per un po’ avevo perso.

Vivere è cambiare, è avere il coraggio di cambiare, è credere che possiamo cambiare: non importa da dove o quando iniziamo, l’importante è fare in modo che il cambiamento inizi. Nessuno potrà mai dirci cosa sentiamo o cosa proviamo, lo sappiamo solo noi cosa portiamo nel cuore e sarà proprio il cuore a farci capire che la nostra vita si sta trasformando.
Non è un cammino facile, se è il vero cammino della nostra coscienza ma, è un cammino che ci condurrà nelle mani di Dio perchè sarà Lui che verrà a cercarci.  Dio ci parla in molti modi e ad ognuno di noi in modo diverso, sta a noi riconoscere la Sua presenza.

Se impareremo a fidarci e ad ascoltare Lo sentiremo nelle parole di un uomo di Dio, nelle pagine di un libro, nelle parole del Vangelo o nella predica durante la messa.
Nessuno può farci cambiare se non lo vogliamo, ma credo che nel cuore di tutti noi esista il desiderio di entrare in intima comunione con il cuore di Dio, questa è la Verità!

TeresaNewman1