Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Per “essere liberi”

Per “essere liberi” occorre scegliere da che parte stare: dalla parte del “Figlio dell’uomo” o dalla parte dei “figli di Abramo”, dalla parte “di Dio” o dalla parte “dell’uomo”, fra chi guarda al “futuro” o chi guarda al “passato”.

La “libertà”, infatti, non si manifesta rivendicando quello che hanno fatto altri prima di noi, ma facendo, oggi, ciò che è giusto: per questo Gesù, testimone “nuovo” della misericordia di Dio, pone al suo popolo, e a noi, la domanda di sempre: perché non vi fidate di me? E’ solo questa fiducia che rende possibile la “libertà”!

Libertà dal passato, dalle abitudini, dalle consuetudini, dai privilegi, dai padri … per vivere da “figli” e seguire il Signore! Vivere “come Abramo”, che guardava avanti, non è vivere come “seguaci di Abramo”, che guardano indietro! Guardare al Signore non è solo fare memoria di ciò che “ha fatto”, ma cercare di comprendere, oggi, la sua volontà!

Così anche noi oggi dobbiamo scegliere di assumere Gesù e il Padre, nello Spirito Santo, come guida per il nostro futuro, per “essere liberi”, per esprimere e mettere a frutto i doni del Signore, per rispondere agli interrogativi della vita facendo tesoro degli esempi del passato e trovare la via per testimoniare la “sequela” del Signore.

Viviamo tempi in cui si ha paura di guardare al futuro e qualcuno cerca ancora di ripristinare una realtà che non esiste più: il problema non è nuovo. La Parola di questa settimana e il riferimento ad Abramo (non a chi si dice suo figlio!) ci dà l’occasione di “ripartire da Dio” e di “essere liberi”; di lasciarci guidare dalla sua Parola, e non da chi guarda al passato, per aprirci al progetto di Dio, sull’uomo e sul mondo.

Buon cammino!

Domenica Domenica di Abramo – IIIª di quaresima – 18/19 marzo
1.a lettura Esodo 34, 1-10: «Se ho trovato grazia ai tuoi occhi, Signore, che il Signore cammini in mezzo a noi. Sì, è un popolo di dura cervice, ma tu perdona la nostra colpa e il nostro peccato: fa’ di noi la tua eredità».
2.a lettura Gàlati 3, 6-14: Come Abramo «ebbe fede in Dio e gli fu accreditato come giustizia», riconoscete dunque che figli di Abramo sono quelli che vengono dalla fede.
Vangelo Giovanni 8, 31-59: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».