Loading…

... sulla Tua parola - dal 7 febbraio

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

"La Santità in Zelia e Luigi Martin": se parlassero oggi alle coppie?

Domenica 17 febbraio chiesa santa Teresa (Bustecche) ore 15.00

Locandina

LA “FEDE” DI GESU’: GESU’ AVEVA LA FEDE, ERA UN CREDENTE COME NOI?

Incontro con don Luca Castiglioni - Domenica 24 febbraio ore 16.00 oratorio di Barasso

Info

Liturgia preparata - Tempo dopo Epifania

Ciclo di sei incontri a partire da martedì 29 gennaio alle ore 21.00

Info qui

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Il dono di Zaccaria

Davanti a molte situazioni bisogna saper contare fino a dieci prima di parlare e non sempre basta, meglio continuare a contare all’infinito.  Altrimenti  è come la matassa di lana, più parole si sprecano per cercare di sostenere il senso delle cose e più i nodi aumentano fin quando non si dipana più nulla.

Con sorpresa e stupore, ho ringraziato il buon Dio per avermi fatto quello che io chiamo il “dono di Zaccaria” … Ed ecco, sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno.

Cadere nel silenzio, non di chi non ha creduto ma anzi, il silenzio profondo della fede, di chi si fida e affida, per rimettere solo nelle mani del Padre quanto risulta inspiegabile e impossibile a ragione umana …pregando poi, non sprecate parole.

 Basterebbe essere limpidi e sinceri, per non dover combattere sempre in vano contro chi ama mascherarsi o nascondersi dietro al dito, nell’illusa speranza che qualcuno ci ascolti. Ma, quando lo sconforto e la delusione avanzano e intorno a noi si apre il deserto, è bello sentire la consolazione del Maestro sapendo che vede anche sotto le ‘maschere’ e ascolta il nostro silenzio.

Gesù però non si fidava di loro, perché li conosceva tutti e non aveva bisogno che qualcuno gli desse informazioni sull’uomo.

Alessandra