Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Attraverso cartelli

Percorrendo lunghi chilometri in macchina si è accompagnati da cartelli stradali che aiutano la nostra direzione ma anche da quelli che, segnati da un’imponete linea rossa,  vorrebbero delimitare il confine  tra due regioni o tra due stati. Eppure, macinando chilometri e osservando, è così evidente che non serve un freddo cartello ad indicare che la strada sta cambiando ma, è la natura stessa a parlare, è il creato.

Nessuna scritta mi parlerà più della vista di colonne di meravigliosi cipressi, di maestose Dolomiti o dell’infinito blu del mare e niente potrà sostituire il profumo che battezza la terra che stiamo attraversando. Sono solo le sensazioni che parlano del divino, sono i sensi spirituali che lasciano che il buon Dio arrivi a noi.

E’ come quando si avverte la sensazione di sentirsi osservati, di quando ci troviamo soli tra centinaia di persone o camminiamo in una strada scura sentendo di essere ‘seguiti’, di avere una presenza costante accanto.

Se imparassimo ad ascoltare ed osservare con i nostri sensi spirituali e non con quelli umani, se riuscissimo ad annullare la nostra sete di sapere o di capire, se riuscissimo a ‘spegnere’ il tanto pensare e ragionare,  riusciremmo a sentire che Qualcuno ci osserva e ci cammina accanto.

“Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo …

 E se il buon Dio ci stesse dicendo che lo Spirito dobbiamo solo e semplicemente ‘viverlo’ e non cercare di ‘capirlo’!?!

Alessandra