Loading…

Festa di Sant'Eusebio 2018

31 luglio - 1 agosto 2018

Info

Orario estivo S. Messe

Orario estivo S. Messe festive da domenica 21 luglio 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Discernere: per rispondere alla “chiamata”

Mentre si avvicina la memoria del martirio di Giovanni il battista, il suo esempio sollecita tutti i credenti ad entrare in scena, a rispondere all’invito che il Signore ci rivolge ad essere “pescatori di uomini”.

La liturgia ci mostra oggi l’esempio di Samuele, di Simone (Pietro), di Andrea, di Giacomo, di Giovanni e di Paolo: le loro esperienze sono uniche e differenti, ma in ognuno traspare, insieme alla risposta, il cambiamento. C’é quindi un prima, in cui si cerca, si attende, si chiede, si incespica … e un dopo, in cui si accoglie la proposta che ci viene dal Signore e si “segue”!

In tutti loro, e in ogni relazione che si fa “risposta ad una chiamata”, è bello osservare l’assenza del dubbio per ciò che, apparentemente, si lascia: prevale, invece, la gratitudine per “il dono della grazia di Dio, che mi è stata concessa”. Acquisire la consapevolezza che Dio ci coinvolge nel suo progetto fa di noi degli uomini “nuovi”, persone che non si preoccupano più di ciò che lasciano perché sanno che sono “altre” le vie su sui camminare.

Essere “pescatori di uomini” non significa essere in cerca di persone da convincere, ma riconoscere nelle relazioni umane il luogo in cui sperimentare e diffondere la misericordia di Dio, attraverso il lavoro, la condivisione, la fatica: prospetttive che non sembrano interessare molto …

L’occasione di riflettere sull’incontro del Signore con Samuele, Simone, Andrea, Giacomo, Giovanni, Paolo … con gli uomini e le donne che in ogni tempo si sono fatti suoi “discepoli”, ci dia lo spunto per seguirlo e rispondere alla sua “chiamata”.

Domenica 8ª domenica dopo Pentecoste – 29/30 luglio
1.a lettura Samuele 3, 1-20: Allora il Signore chiamò: «Samuele!» ed egli rispose: «Eccomi».
2.a lettura Efesini 3, 1-12: A me, che sono l’ultimo fra tutti i santi, è stata concessa questa grazia: annunciare alle genti le impenetrabili ricchezze di Cristo.
Vangelo Matteo 4, 18-22: Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.