Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Discernere: per rendere “testimonianza

La “verità”, almeno a parole, piace a tutti: ma dimentichiamo spesso che essa produce contrasti e richiede discernimento e decisione. Non desta allora sorpresa cogliere, nella liturgia di questa domenica, che precede il martirio di Giovanni, il contrasto prodotto dal fare verità.

La testimonianza, infatti, non arriva “dopo” (ovvero: racconto quello che ho visto) ma inizia “prima”: ho visto, ho capito cosa succede e non posso tacere … per questo, a costo rimetterci, non taccio, mi oppongo! E’ così nel libro dei Maccabei, è così per Paolo ed è così per Gesù, che “conoscendo la loro ipocrisia … disse”.

C’è sempre una “soglia” che fa di noi delle persone “attente” o “insensibili”: così vi sono fatti, parole, decisioni che destano la nostra attenzione … ed altre che ci lasciano indifferenti e a cui non diamo importanza. E nel mondo in cui viviamo non è facile condividere con altri, nemmeno nella comunità cristiana, le medesime preoccupazioni. E quando la soglia viene oltrepassata occorre intervenire, occorre far conoscere la “verità”, come fa Gesù.

Diventa quindi importante “discernere”; per capire quali sono i fatti, le parole e le decisioni importanti, quali sono i segni a cui non possiamo rinunciare, quali sono le scelte che ci caratterizzano, come uomini, come cittadini, come credenti.

Dare “a Dio” e “a Cesare” quello che gli è “proprio” stabilisce un limite e un confine che non è facile rispettare e soddisfare; conciliare giustizia e misericordia richiede, infatti, discernimento e testimonianza, condivisione (con gli uomini) e comunione (con Dio)!

Così la figura di Giovanni, il precursore, che “corre avanti” a Gesù per aprirgli la strada, e si fa “testimone” fino a “dare la vita”, si fa nostro riferimento e guida nel cammino!

Domenica Domenica che precede il martirio di Giovanni, il precursore – 26/27 agosto
1.a lettura 1° Maccabei 1, 10. 41-42; 2, 29-38: Tutti i popoli si adeguarono agli ordini del re. … Allora molti che ricercavano la giustizia e il diritto scesero nel deserto, per stabilirvisi con i loro figli, le loro mogli e il bestiame, perché si erano inaspriti i mali sopra di loro.
2.a lettura Efesini 6, 10-18: Indossate l’armatura di Dio per poter resistere alle insidie del diavolo. La nostra battaglia infatti non è contro la carne e il sangue, ma contro i Principati e le Potenze, contro i dominatori di questo mondo tenebroso.
Vangelo Marco 12, 13-17: «Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio».