Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Cristiani … fratelli di tutti!

Le conseguenze dell’incontro con Gesù Cristo, di cui i cristiani sono “segno”, riguardano tutti; perché se Dio si è fatto “vicino” e ci ha resi “figli”, noi siamo, di conseguenza, “fratelli” … e non solo di quelli che credono, ma di tutti.

Occorre avere davanti questa “prospettiva” per comprendere “qual è il grande comandamento?”, quali sono le cose che contano nella vita. Ed anche per ammettere e cogliere la “distanza” che ci separa: dal Signore e dal prossimo.

E’ proprio la realtà di tutti i giorni che conferma l’importanza delle parole di Gesù e di questa “prospettiva”: che diventa “comandamento”, ovvero “regola di vita”, quando la facciamo nostra, quando ci riconosciamo su questo cammino, quando proviamo a non allontanarci da questo sentiero.

Così incrociare la nostra strada con quella di Dio, in Cristo Gesù, diventa l’occasione di incrociare lo sguardo di ogni uomo e di incontrare in ognuno il volto di Dio. Questa “prospettiva” può sembrarci addirittura “un sogno”; ma occorre partire proprio da qui per cercare di “risollevare” le sorti dell’umanità e tornare ad “alzare lo sguardo”!

Spetta ai “cristiani”, soprattutto oggi, riprendere e risollevare dalla polvere il cammino dell’uomo! Se Dio, in Cristo, ha fatto di noi uomini “nuovi”, non possiamo ignorare questa “prospettiva” e quindi metterci alla ricerca del modo e della strada migliore per renderla percorribile.

Lasciamoci, intanto, meravigliare da un Dio che ci chiede “ascolto” e che ci coinvolge in un disegno di amore che impegna “tutto il cuore”, “tutta l’anima” (che non è solo la parte spirituale!) e “tutte le forze”.

Domenica 5ª domenica dopo il martirio di Giovanni – 30 settembre/1 ottobre
1.a lettura Deuteronomio 6, 4-12: «Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, unico è il Signore. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze. Questi precetti che oggi ti do, ti stiano fissi nel cuore.
2.a lettura Gàlati 5, 1-14: Tutta la Legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: «Amerai il tuo prossimo come te stesso».
Vangelo Matteo 22, 34-40: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».