Loading…

Festa di Sant'Eusebio 2018

31 luglio - 1 agosto 2018

Info

Orario estivo S. Messe

Orario estivo S. Messe festive da domenica 21 luglio 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Avvisi ai naviganti: “convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”

La “conversione” di cui parla il Vangelo, che è “buona notizia”, non è un invito rivolto solo ai credenti e non riguarda solo il loro rapporto col Signore e le vicende dello “spirito”: è una “via” che richiede l’attenzione di tutti i “naviganti”, della terra, del cielo e del mare.

Certo, ciò che deve indurre i credenti a “cambiare strada” (=convertirsi) è un fatto fondamentale: Dio si è fatto “vicino”, ha preso per primo l’iniziativa; ma tutti gli uomini sono invitati a “considerare” con maggiore attenzione la “via” percorsa dal “figlio dell’uomo”, Gesù Cristo!

Non ci vuole molto ad accorgersi che bisogna “cambiare rotta”: nei rapporti con le persone, nel mangiare, nel vivere … Sono molte le voci che sollecitano un cambiamento del nostro stile di vita e non vengono solo dal mondo cristiano, ma da tutti quelli che hanno a cuore il futuro dell’uomo.

Ciò nonostante, ieri come oggi, riteniamo questo invito “utopico”, “non percorribile”, “difficile da attuare” … e preferiamo adeguarci al “così fan tutti”! Si, “un altro mondo è possibile” … ma noi preferiamo le “vecchie consuetudini dell’uomo” in cui vale la legge del “più forte” …

Può allora essere utile, oltre che “buono”, accogliere l’invito di Giovanni a “cambiare strada”, a “preparare la via del Signore”! A far posto a chi, come Gesù, ha scelto la “condivisione”, la “povertà”, la “comunione”, la “vita”! Ed iniziare a “convertirci”, a muovere i primi passi nella direzione che il Signore Gesù ci ha indicato.

Perché il mare, la terra e il cielo hanno ancora bisogno di “buoni” naviganti! (Ci può essere di aiuto e di esempio, al riguardo, la lettera enciclica “Laudato si’, sulla cura della casa comune”, di papa Francesco).

Buon cammino di Avvento!

Domenica Seconda domenica di Avvento – “I figli del regno” – 18/19 novembre
1.a lettura Isaia 51, 7-12a: Non temete l’insulto degli uomini, non vi spaventate per i loro scherni;  poiché le tarme li roderanno come una veste e la tignola li roderà come lana, ma la mia giustizia durerà per sempre, la mia salvezza di generazione in generazione.
2.a lettura Romani 15, 15-21: «Coloro ai quali non era stato annunciato, lo vedranno, e coloro che non ne avevano udito parlare, comprenderanno».
Vangelo Matteo 3, 1-12: Venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!».

Perché “avvisi ai naviganti”
La “vigilanza” e l'”ascolto” sono due caratteristiche fondamentali dell’uomo, eppure sembrano essere passate di moda. Noi, infatti, siamo diventati naviganti “virtuali” e non ci occupiamo più del “mare”, della “terra” e del “cielo” … ma solo di ciò che non c’è: facciamo continuamente ipotesi e commenti a partire da quello che pensiamo, da quello che gli altri dicono, immaginano e pensano, ma non cogliamo più i “fatti” che succedono. La realtà “virtuale” ci sembra più interessante ed attira la nostra attenzione, mentre viviamo i “fatti” che succedono nel “mare”, sulla “terra” e nel “cielo” come una inutile “intrusione” … di cui faremmo volentieri a meno.

Nel “ripartire da Dio” ci può allora essere utile tornare a prestare “ascolto”, imparare a cogliere nella Parola del Signore non indicazioni “virtuali”, come quelle che scaturiscono dai commenti e dalle opinioni, ma suggerimenti “concreti” che nascono dalla relazione con Dio e dalla comprensione dei “fatti” della storia e della vita.