Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Una luce si è levata per il giusto …

Il calendario di quest’anno unisce il “giorno del Signore” al “natale” e ci offre l’occasione di fare memoria della resurrezione (la prospettiva che ci orienta) insieme alla memoria della scelta di Dio di venire ad “abitare in mezzo a noi” (ciò che sta all’inizio).

Si impone quindi una riflessione unica per leggere la “storia” (il fatto) e cogliere il senso di quello che accade (il suo valore oggi). Fra i molti testi della liturgia i “naviganti” della terra, del cielo e del mare, sempre in cerca di “segni”, non possono ignorare la proposta della “messa nella notte”, che sta proprio al centro. Essa ci offre, infatti, una chiave di lettura importante: “Veniva nel mondo la luce vera”.

Si, abbiamo bisogno, di “luce”! Tutti i “cercatori di giustizia” hanno bisogno di “luce”: essa non serve solo per “vedere” (le cose, le situazioni, le storie) ma soprattutto per “illuminare” (i volti, le relazioni, la bellezza) e rendere possibile la “custodia” del creato in cui il Signore ci coinvolge.

La “luce” è “vita”! Così le parole di Giovanni che ci parlano di Gesù come il “verbo” e come la “luce”, non solo esprimono una profonda comprensione della “venuta del Signore” ma ci orientano a fare spazio a Lui, a non respingere la sua proposta, ad agire da persone “illuminate” e “amanti della luce”, della verità e della giustizia.

Così la memoria del giorno natale di Gesù apre uno spiraglio per tutti coloro che “vivono nelle tenebre” e non colgono motivi di speranza all’intorno: perché ognuno di noi può accogliere la “luce” ed orientare di conseguenza i propri passi sulla via del Signore! E’ il nostro “si” al Signore che, come quello di Maria, può cambiare la nostra vita, ma anche quella del mondo!

Si! Una luce si è levata per il giusto. Rendiamo grazie a Dio!

Domenica Domenica “prenatalizia” – 23/24 dicembre
1.a lettura Isaia 62, 1-5: Così dice il Signore Dio: «Per amore di Sion non tacerò, per amore di Gerusalemme non mi concederò riposo, finché non sorga come aurora la sua giustizia e la sua salvezza non risplenda come lampada».
2.a lettura 1ª Tessalonicesi 5, 15b-23: Il Dio della pace vi santifichi interamente, e tutta la vostra persona, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo.
Vangelo Matteo 1, 1-16: Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. … Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
Solennità Natale di nostro Signore Gesù Cristo – 24/25 dicembre
1.a lettura Isaia 2, 1-5: Verranno molti popoli e diranno: «Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci insegni le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri».
2.a lettura Gàlati 4, 4-6: E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: «Abbà! Padre!».
Vangelo Giovanni 1, 9-14: Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo.