Loading…

Iniziamo... insieme!

Anno oratoriano 2018-2019 - Festa della Comunità dal 27 al 30 settembre 2018

Programma

Proiezione film: Maria Maddalena

Giovedì 27 settembre 2018 ore 21.00 - Oratorio di Casciago

Locandina

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina
  • 0
  • 1
  • 2

Discernere: per “parlare” con Dio!

La fede è il presupposto di ogni relazione, anche di quella con Dio. Dire “mi fido di te” non è solo una affermazione da innamorati ma il punto di partenza di ogni accordo, anche di quelli commerciali. C’è però una condizione fondamentale che rende possibile la “fede”: che non vi siano cose nascoste, che tutto sia visibile e chiaro.

La realtà ci dimostra, invece, come l’uomo non sempre ami essere chiaro e trasparente e che, al contrario, in tante situazioni, preferisce oscurità e menzogna, così da apparire e trarre in inganno gli altri. Così il Signore Gesù, attraverso la guarigione del “cieco nato”, ci aiuta a sgombrare il campo dal dubbio che anche il Signore nasconda, tragga in inganno ed allontani da se e che quindi non sia degno di “fede”!

La vicenda del “cieco nato” non solo rivela il vero volto di Dio (“è colui che parla con te”) ma anche i nostri pre-giudizi sull’uomo e su Dio. C’è, anche nella odierna realtà, un estremo bisogno di “luce”, di qualcuno ci aiuti a “vedere” la realtà e a dissipare le tenebre della menzogna, perché c’é sempre qualcosa da nascondere e da non far sapere …

Con l’invito a far “chiarezza” e a “ripulire” il nostro sguardo sull’uomo e sul mondo si fà così avanti l’invito del Signore a “parlare con lui”: la “tenda” posta nell’accampamento degli ebrei nel deserto non è solo un luogo concreto in cui incontrare il Signore, ma è, soprattutto, un “segno” di questa possibilità e della sua concretezza, come ci dimostrano Mosé e il cieco.

La conclusione del cieco («Credo, Signore!») non è solo espressione della fede ma soprattutto della gioia dell’incontro: è qui che si rivela pienamente l’Emmanuele, la “presenza” del “Dio-con-noi”: «Lo hai visto: è colui che parla con te»!

Che il Signore, in questo cammino di quaresima, ci conceda di arrivare a rinnovare il nostro “impegno con Cristo” nella prossima Veglia pasquale: di fare chiarezza in noi, di aprirci a Lui e di giungere a rispecchiarci nel suo volto e nella sua presenza..

Buon cammino!

Domenica Domenica del cieco – quarta di Quaresima – 10/11 marzo
1.a lettura Esodo 33, 7-11a: Il Signore parlava con Mosè faccia a faccia, come uno parla con il proprio amico.
2.a lettura 1ª Tessalonicesi 4, 1b-12: vi esortiamo, fratelli, a progredire ancora di più e a fare tutto il possibile per vivere in pace, occuparvi delle vostre cose e lavorare con le vostre mani, come vi abbiamo ordinato, e così condurre una vita decorosa di fronte agli estranei e non avere bisogno di nessuno.
Vangelo Giovanni 9, 1-38b: Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!».