Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Vincere la paura, riconoscendo i segni della sua presenza

La difficoltà dei discepoli e di Tommaso a “riconoscere” Gesù illumina anche il nostro cammino di credenti, che non abbiamo mai incontrato Gesù “di persona” ma siamo chiamati a “riconoscere” la sua presenza fra noi.

Se infatti è facile affermare con Pietro che non si può tacere “quello che abbiamo visto e ascoltato”, più difficile per noi è “conoscere” Gesù, “riconoscere” la sua presenza; e a questo punto annunziarla agli altri.

Il Vangelo di questa domenica ci offre due elementi da prendere in seria considerazione: un “giorno” (“il primo della settimana”) e un “luogo” (“Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco”) …

La domenica è per i credenti “il primo della settimana”, è il giorno del risorto e della comunità cristiana; non è importante solo per il suo significato ma per lo “spazio” che costruisce intorno a noi, nelle nostre relazioni e nei nostri incontri. E’ il “giorno del Signore”! Ed è un giorno da riscoprire in tutto il suo significato e in tutti i suoi aspetti!

Le ferite di Gesù, a cui Tommaso è invitato ad avvicinarci, ci ricordano un altro “segno” della presenza di Gesù in mezzo a noi: coloro che soffrono! Non perché la sofferenza sia un valore (come qualcuno osa affermare) ma perché sempre, anche nella sofferenza, il Signore “si fa vicino” … e ci invita a fare come Lui.

Anche i discepoli, dopo la resurrezione, sono chiusi in casa, trattenuti dalla “paura”; ed anche noi abbiamo bisogno di riconoscere i segni del risorto in mezzo a noi. Ma è bello osservare, con Pietro, che “questo Gesù è la pietra, che è stata scartata da voi, costruttori, e che è diventata la pietra d’angolo”.

Buona Pasqua!

Domenica 2ª domenica di Pasqua, ormai deposte le vesti battesimali (“in albis depositis”) – 7/8 aprile
1.a lettura Atti degli Apostoli 4, 8-24a: Questo Gesù è la pietra, che è stata scartata da voi, costruttori, e che è diventata la pietra d’angolo.
2.a lettura Colossesi 2, 8-15: In lui voi siete stati anche circoncisi non mediante una circoncisione fatta da mano d’uomo con la spogliazione del corpo di carne, ma con la circoncisione di Cristo: con lui sepolti nel battesimo, con lui siete anche risorti mediante la fede nella potenza di Dio, che lo ha risuscitato dai morti.
Vangelo Giovanni 20, 19-31: Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!».