Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Vincere la paura, per accogliere lo Spirito in noi

L’invito a “vincere la paura” che ci è stato rivolto il giorno di Pasqua diventa oggi sollecitazione ad accogliere il dono dello Spirito “in noi”!

Perché lo Spirito Santo non è “esterno” a noi, non è “una voce” da prendere in considerazione quando siamo smarriti, non è una “ispirazione” che ci illumina quando ne abbiamo bisogno … ma una “presenza” che “abita”!

Le parole di Gesù, che la liturgia ha fatto risuonare in questo tempo, sono molto chiare: eppure siamo tentati di interpretarle e di attribuirgli un valore simbolico … Esse, invece, chiedono di essere accolte nella loro “verità”, perchè la “presenza” del Padre in Gesù e di Gesù e dello Spirito “in noi” è presenza che trasforma e chiede di essere “accolta”!

Si, il Signore Gesù non ci chiede l’attenzione di un momento o un po’ di spazio nella nostra giornata o più attenzione al prossimo: ci chiede, invece, di “abitare” in noi! Così che noi possiamo diventare Lui! Ed è per questo che abbiamo bisogno che lo Spirito di Dio “abiti” “in noi”!

La grandezza della richiesta, che rende paurosi e vacillanti perfino i discepoli, fino al dono dello Spirito, può impaurire anche noi … ma quello che ci viene chiesto non è, come spesso si pensa, di rinunciare a qualcosa, ma di “accogliere” lo Spirito di Dio ,,,

Siamo invitati ad aprire le porte, a fare spazio alla “vita”, alla “verità”, alla “giustizia” (che sono tutti “nomi” di Dio, secondo le Scritture!); ad accorgerci che il Padre non è il nostro nemico o il nostro concorrente; che Egli fa piovere sui giusti e sugli ingiusti allo stesso modo ,,, e a “non avere paura”!

Il giorno di Pentecoste mentre da pienezza e significato al grande giorno di Pasqua ci introduce nel tempo del discernimento: ci offre così l’occasione di rileggere la storia con la sapienza di Gesù, il risorto e il “vivente”! Di rifare con Lui il cammino da Gerusalemme ad Emmaus, dove viene riconosciuto nello “spezzare il pane”.

Maranàthà! Vieni, Signore Gesu’!

Domenica Domenica di Pentecoste – 19/20 maggio
1.a lettura Atti degli Apostoli 2, 1-11: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa?».
2.a lettura 1ª Corinzi 12, 1-11: A ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per il bene comune.
Vangelo Giovanni 14, 15-20: «Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi».