Loading…

Iniziamo... insieme!

Anno oratoriano 2018-2019 - Festa della Comunità dal 27 al 30 settembre 2018

Programma

Proiezione film: Maria Maddalena

Giovedì 27 settembre 2018 ore 21.00 - Oratorio di Casciago

Locandina

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina
  • 0
  • 1
  • 2

Vincere la paura, per accogliere lo Spirito in noi

L’invito a “vincere la paura” che ci è stato rivolto il giorno di Pasqua diventa oggi sollecitazione ad accogliere il dono dello Spirito “in noi”!

Perché lo Spirito Santo non è “esterno” a noi, non è “una voce” da prendere in considerazione quando siamo smarriti, non è una “ispirazione” che ci illumina quando ne abbiamo bisogno … ma una “presenza” che “abita”!

Le parole di Gesù, che la liturgia ha fatto risuonare in questo tempo, sono molto chiare: eppure siamo tentati di interpretarle e di attribuirgli un valore simbolico … Esse, invece, chiedono di essere accolte nella loro “verità”, perchè la “presenza” del Padre in Gesù e di Gesù e dello Spirito “in noi” è presenza che trasforma e chiede di essere “accolta”!

Si, il Signore Gesù non ci chiede l’attenzione di un momento o un po’ di spazio nella nostra giornata o più attenzione al prossimo: ci chiede, invece, di “abitare” in noi! Così che noi possiamo diventare Lui! Ed è per questo che abbiamo bisogno che lo Spirito di Dio “abiti” “in noi”!

La grandezza della richiesta, che rende paurosi e vacillanti perfino i discepoli, fino al dono dello Spirito, può impaurire anche noi … ma quello che ci viene chiesto non è, come spesso si pensa, di rinunciare a qualcosa, ma di “accogliere” lo Spirito di Dio ,,,

Siamo invitati ad aprire le porte, a fare spazio alla “vita”, alla “verità”, alla “giustizia” (che sono tutti “nomi” di Dio, secondo le Scritture!); ad accorgerci che il Padre non è il nostro nemico o il nostro concorrente; che Egli fa piovere sui giusti e sugli ingiusti allo stesso modo ,,, e a “non avere paura”!

Il giorno di Pentecoste mentre da pienezza e significato al grande giorno di Pasqua ci introduce nel tempo del discernimento: ci offre così l’occasione di rileggere la storia con la sapienza di Gesù, il risorto e il “vivente”! Di rifare con Lui il cammino da Gerusalemme ad Emmaus, dove viene riconosciuto nello “spezzare il pane”.

Maranàthà! Vieni, Signore Gesu’!

Domenica Domenica di Pentecoste – 19/20 maggio
1.a lettura Atti degli Apostoli 2, 1-11: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa?».
2.a lettura 1ª Corinzi 12, 1-11: A ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per il bene comune.
Vangelo Giovanni 14, 15-20: «Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi».