Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Guardare a Gesù: la rivelazione del Padre

La figura di Gesù, di Dio che si fa “uno di noi”, fino a morire ed essere poi liberato dalla morte è certamente il punto di riferimento di ogni credente. Ma non è sempre facile per noi riconoscerci nel suo stile, approfondirlo e farlo nostro.

Così la liturgia ci sollecita a riflettere e non ci nasconde le difficoltà di accogliere, in Gesù, il Padre; un Dio misericordioso e paziente, ma non alla ricerca di “sudditi”. Un Dio “grande in bontà”, ma che continua a domandare “ascolto”!

In questo tempo dell’anno la liturgia ci invita con forza a fermare il nostro sguardo su Gesù e non sulle altre persone, presenti o passate, che “abitano” il nostro cuore! E’ da Lui e da Lui solo che noi dobbiamo “apprendere”! Non solo come vivere “da figli di Dio”, ma anche e semplicemente “come vivere”!

La figura di Gesù, il “mandato” dal Padre, colui che “ha dato testimonianza di me”, ci è ricordata per conformarci sempre più a Lui. La “sequela” richiesta ai credenti è quella di approfondire la conoscenza del “maestro”, accogliere la sua “parola” e darle “vita”, con semplicità e fiducia.

Dobbiamo ammettere che spesso ci sembrano pù attraenti le parole e le testimonianze di altri; preferiamo ricordare le parole di un papa, di un vescovo o di un santo … prima di quelle del “vangelo”. Nei vangeli ci sono pagine che ci attraggono e ci appassionano; ma altre ci lasciano dubbi e perplessità … ed anche la vita di Gesù, di cui conosciamo ben poco, ci attrae … ma fino ad un certo punto …

Proviamo, allora, a riascoltare la “parola” di Gesù; impegniamoci a conoscerlo meglio, dedicangogli un po’ del nostro tempo, lasciandoci guidare dai fratelli che meglio lo conoscono e dall’esempio di un papa, di un vescovo o di un santo che hanno fatto risuonare in loro la sua “parola”. E’ nel Signore Gesù che “abita” il Padre e solo conoscendo Lui arriveremo a “conoscere” il Padre!

Domenica 3ª domenica dopo la memoria del martirio di Giovanni, il “precursore” – 8/9 settembre
1.a lettura Isaia 63, 7-17: «Tu, Signore, sei nostro padre, / da sempre ti chiami nostro redentore. / Perché, Signore, ci lasci vagare lontano dalle tue vie / e lasci indurire il nostro cuore, così che non ti tema? / Ritorna per amore dei tuoi servi, / per amore delle tribù, tua eredità».
2.a lettura Ebrei 3, 1-6: Fratelli santi, voi che siete partecipi di una vocazione celeste, prestate attenzione a Gesù.
Vangelo Giovanni 5, 37-46: Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me.