Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Fondati sul Vangelo

Alla fine di un anno richiamare alla memoria il “progetto” iniziale, richiamarne le attese e la prospettiva, inserisce “linfa nuova” nella vita dei credenti.

Soprattutto quando la “forza” e la “potenza” lasciano il posto alla “grazia”; quando i “privilegi” lasciano il posto alla “condivisione”. E’ così che la Chiesa, nell’ultima domenica dell’anno, sente di dover ricordare a tutti che il “re”, il “signore della storia” non è colui che “vince”, ma colui che “da la vita” e si fa “servo”; non è colui che “fa violenza”, ma colui che “non ha fatto nulla di male”!

E questo “re” è colui che prende “con sè” chiunque lo riconosce, chiunque si accorge della differenza fra noi e lui; e che con il suo agire ci riporta al sogno di Dio, che “dal seno materno mi ha chiamato”!

Così alla fine di un anno, mentre saremmo tentati di guardare altrove, siamo invitati a rimettere in discussione la “logica del mondo”: quella in cui i potenti dominano, in cui il più forte opprime, in cui la forza e la violenza definiscono le gerarchie; in cui l’altro è il mio nemico e in cui il denaro è l’unica unità di calcolo …

Affermare la “signoria” di Gesù diventa realmente un gesto “rivoluzionario”, perché solamente dei “pazzi” o degli “innamorati” possono arrivare a sostenere che “regna” colui che “si offre”, che si “mette nel mezzo”, che “intercede”!

Ed è in questo contesto che la nostra comunità cristiana, dal più piccolo al più grande, è invitata a “scegliere” un Vangelo, una “buona notizia” che ci sia “compagna di viaggio” nel nuovo cammino che inizia! Per conoscere meglio questo “re”, che si offre “con me”, che si fa “compagno” e “maestro”, come con i due discepoli di Emmaus. Così da riprendere “con gioia” il cammino dei giorni!

Domenica Nostro Signor Gesù Cristo – re dell’universo, ultima domenica dell’anno liturgico – 10/11 novembre
1.a lettura Isaia 49, 1-7: “Il Signore dal seno materno mi ha chiamato, fino dal grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome. Ha reso la mia bocca come spada affilata, mi ha nascosto all’ombra della sua mano, mi ha reso freccia appuntita, mi ha riposto nella sua faretra.”
2.a lettura Filippesi 2, 5-11: “Pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l’essere come Dio, ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini.”
Vangelo Luca 23, 36-43: Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me … sarai nel paradiso».