Loading…

Avvento 2018

Proposte per l'Avvento 2018

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Parole “politiche”: IL TEMPO

GOVERNATI DALL’OROLOGIO
Il tempo di Avvento richiama sempre il tema dell’attesa e quindi del tempo. Il tempo, infatti, è sempre uno spazio finito e definito, che non può essere ampliato o ristretto; sia esso la giornata, il lavoro, l’anno o la vita. E come tutti gli spazi non è solo un contenitore, ma un’occasione e un dono. E come tale deve essere accolto e usato, messo a frutto.

OBBLIGO DI ORDINARE IL TEMPO
Quando il tempo non basta per contenere tutto quello che vorremmo fare è giunto il momento di scegliere e di fermarci per fare ordine, per rimettere in ordine le priorità ed aver la forza di escludere ciò che è secondario, ciò che non serve o che ci assorbe senza averne diritto. Diventa occasione di scoprire che tante cose su cui investiamo energie e risorse non danno gli esiti sperati e tendono a spremerci senza soddisfarci; mentre altre, a cui non davamo troppa importanza, non sono inutili come sembra, non sono secondarie e ci riconciliano con noi stessi, con gli altri e con il creato.

Così l’uso del tempo è il luogo fondamentale attraverso il quale si manifesta la vita del credente, non solo per quello che facciamo ma soprattutto per quello che scegliamo di fare nel tempo che ci è dato. Non tutte le cose, infatti, hanno il medesimo valore e la medesima importanza, agli occhi del credente, e perder tempo o distrarci non appartengono alle virtù dell’uomo, anche se oggi sono molto promosse e ricercate.

COSA SI SALTA PERCHE’…NON C’E’ TEMPO
Fra gli spazi, che facilmente lasciano il posto alle molte cose da fare, ci sono spesso anche la preghiera e gli altri. La vigilanza ci deve allora spingere non a cercare il tempo ma a scegliere di cosa possiamo fare a meno e cosa possiamo fare meglio e bene.

Così, quando il tempo non basta, sono proprio la preghiera e il tempo perso per gli altri che possono aiutarci a rimettere in ordine il nostro tempo; riscoprendo lo spazio e il tempo dell’ascolto … La preghiera, infatti, è innanzi tutto un luogo, uno stare con, uno stare davanti ... e ci aiuta a cogliere il senso vero delle cose, anche di quelle da fare; l’ascolto dell’altro, durante la giornata, ci aiuta infine ad allargare lo sguardo e il cuore, a comprendere la realtà e a dare senso e concretezza alle cose che facciamo.

Riordinare il nostro tempo è un compito che riguarda anche il nostro vivere insieme, fatto troppo spesso di fatti e parole inutili, emozionali, funzionali, di ruolo, di circostanza; di cose fatte male perché non pensate; di cose inutili perché pensate per distrarre … E’ qui che il riferimento alla fede si fa fondamentale nella vita dei credenti: perché chi non fa un buon uso del tempo non ha proprio compreso e fatto proprio il farsi uomo di Gesù, il suo vivere nel tempo!

Che la venuta del Signore ci aiuti a fare spazio, nella nostra vita, al suo modo di leggere e vivere il tempo; e a rimetterlo in ordine, per noi e per gli altri!

Claudio