Loading…

Rosario di Maggio

Terza settimana Casciago - ore 20.45

Programma

Pellegrinaggio La Salette e Laus

17 e 18 giugno 2019 - iscrizioni in segreteria entro il 25 maggio

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Ultimi 4 appuntamenti, dal 2 maggio. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Oratorio Estivo 2019

dal 12 giugno al 12 luglio

Volantino

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

“Il quattordicesimo passo… con l’astuccio” – 14 –

CAMMINARE NELLO SPIRITO
Visti da soli, singolarmente, conosciamo la loro utilità ma è come se non fossero del tutto ‘completi’, ed è così che appaiono guardandoli: matita, temperino e gomma! Certo, ognuno di loro cammina per la propria strada, segue il proprio ‘passo’ ma, solo quando sono tutti e tre insieme viene alla luce il loro ‘compimento’. E’ come il cammino del Maestro ……Gesù e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla.

Singolarmente speciali ma  perfetti  quando sono insieme.

Un temperino o una gomma senza la matita dove ‘andrebbero’ !?!

Fede, Speranza e Carità ……….

 Adesso noi vediamo in modo confuso, come in uno specchio; allora invece vedremo faccia a faccia. Adesso conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto. Ora dunque rimangono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità. Ma la più grande di tutte è la carità!

 Alessandra

Una città chiamata Nain
In seguito Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. Quando furono vicini alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. Vedendola, il Signore fu preso da gran compassione per lei e disse : “Non piangere!”. Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: “Ragazzo, dico a te, alzati!”. Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: “Un grande profeta è sorto tra noi”, e: “Dio ha visitato il suo popolo”. Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante. (7, 11-17)