Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

“Il diciottesimo passo… le sdraio” – 18 –

CAMMINARE NELLO SPIRITO
I giorni che seguono le grandi festività ricordano quelle giornate uggiose che interrompono l’estate. Quelle tristi giornate di pioggia quando le spiagge sono abitate solamente dalle sdraio, aperte e vuote, fisse verso l’orizzonte.

Sì, perché quando il sole è oscurato dalle nubi e non si sente il suo calore diretto sulla pelle, difficilmente le ‘folle’ si accalcano per ammirare l’infinito. Finiti i giorni delle grandi liturgie, delle luci che bucano le vetrate e dai canti che scaldano cuori e sentimenti – o sentimentalismi – sembra che solo le ‘panche’ vivano ancora l’attesa.

Eppure, i passi del cristiano non sono segnati da tempi liturgici ma si muovono al ritmo dell’attesa, dal principio sino alla fine e anche oltre.

Tutto è racchiuso nell’attesa…da Betlemme alla croce e resurrezione, passando dal saggio Simeone o da Anna o dalle vergini con le lanterne accese, sino all’attesa della Sua venuta.

Vivere nell’attesa è sedersi su quelle ‘sdraio’ vuote, vedere nell’infinito il sole dietro le nubi perché … tutti erano in attesa di lui.

Alessandra

 Al suo ritorno
Al suo ritorno, Gesù fu accolto dalla folla, perché tutti erano in attesa di lui. Ed ecco, venne un uomo di nome Giairo, che era capo della sinagoga: si gettò ai piedi di Gesù e lo pregava di recarsi a casa sua, perché l’unica figlia che aveva, di circa dodici anni, stava per morire. Mentre Gesù vi si recava,le folle gli si accalcavano attorno. (Lc 8, 40)

 Una città chiamata Betsaida
Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono a Gesù tutto quello che avevano fatto. Allora li prese con sé e si ritirò in disparte, verso una città chiamata Betsaida. Ma le folle vennero a saperlo e lo seguirono. Egli le accolse  e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. (Lc 9, 10-11)