Loading…

Saluto di Don Norberto

Appuntamenti per salutare il Parrocco

Programma

Festa di Morosolo 2019

dal 3 al 9 settembre 2019

Programma

Settimana di Oratorio

Al rientro dalle vacanze... prima di andare a scuola... ci troviamo una settimana all’oratorio - 2/6 settembre 2019

Volantino

Orario estivo S. Messe

da sabato 13 luglio a domenica 25 agosto 2019

Orari
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

L’arrivo di una bambina

Il primo giorno che ti ho incontrata non mi sono resa conto dello scompiglio che da lì a poco avresti portato nella mia quotidianità. Ti osservavo muoverti nell’ambiente disordinata e frenetica, impaurita e curiosa. Occhi profondi, sguardo sfuggente. Tu eri  puro movimento, incessante frenesia. I tuoi gesti erano imprevedibili e rapidissimi, portavano scompiglio, turbavano l’ordine, costringevano chi ti stava accanto a non perderti mai di vista. Bastava distrarsi, lasciarti da sola un attimo ed ecco oggetti  per terra, acqua rovesciata, piccoli  giochi portati pericolosamente alla bocca. Come un lampo che abbaglia e svanisce, come un tuono che sorprende e spaventa, tu ti muovevi nello spazio creando caos e rumore. Imparare a conoscerti e a capirti è stato un cammino lungo e difficile ma anche sorprendente e affascinante. Sei entrata con facilità nella mia vita, nei miei pensieri, nelle mie preoccupazioni. Mi hai conquistata ogni giorno con la tua furbizia, la tua intelligenza, il tuo dialogo senza parole. 

Sei bella di una bellezza che conquista il cuore. 

Sono completamente schierata dalla tua parte, pronta a lottare per i tuoi diritti, decisa a non arrendermi di fronte alla stoltezza e alla lentezza della burocrazia, a insistere perché tu possa fare un percorso utile alla tua crescita. 

Aiutarti è diventata una priorità, una missione, un’urgente necessità.

Ora, dopo mesi di estenuanti battaglie, di tentativi, di urla, di coccole, di abbracci infiniti, di silenzi carichi di emozioni, tu sei cambiata. Forse anch’io.

Sei più serena, hai imparato a fissare lo sguardo per un breve tempo su un’immagine o su una persona, riesci a stare seduta se ti interessa un’attività. Eri e rimani il mio piccolo tsunami ma ho imparato a prevedere i tuoi gesti e ad anticiparti, a capire in parte i tuoi bisogni, a calmarti con le parole e con i gesti.

Al centro di questo incontro ci siamo io e te, con le nostre paure, con le nostre capacità, con le nostre difficoltà, con i nostri ruoli diversi. 

In tutto questo faticoso e meraviglioso percorso, il tuo autismo e la mia “normalità” sono dettagli.

Daniela