Loading…

Festa del Corpus Domini 2019

20 e 23 giugno 2019

Programma

Festa patronale di Luvinate

dal 1 al 8 luglio 2019

Programma

Festa patronale di Luvinate

Martedì 2 luglio una sera alla Collegiata - Mercoledì 3 luglio Madonna di Caravaggio e Villaggio Crespi d'Adda

Informazioni

Oratorio Estivo 2019

dal 12 giugno al 12 luglio

Volantino

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

L’amore libera dalla false economie

All’inizio della settimana “autentica” l’itinerario che ci ha fatto percorrere l’evangelista Giovanni (l’incontro con la donna samaritana, la fiducia di Abramo, la testimonianza del cieco, il “segno” di Lazzaro) si conclude a Betania, “sei giorni prima della Pasqua”, dove Maria cosparge di profumo i piedi di Gesù e “tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo”.

Con la domenica delle palme, infatti, inizia la passione di Gesù, si compie la sua “ora”; essa diventa per noi l’occasione di riflettere su una vicenda che non è frutto del caso o di una combinazione della vita … perché Gesù “non rinnega” la sua decisione di “farsi uomo”, di “farsi prossimo” a noi, a costo della propria vita.

Così Maria, donna che “vede oltre”, rivolge a Gesù un grande segno di attenzione e di affetto, come solo un profumo e un “lavare i piedi” sanno esprimere. E questo “segno” ci consente di cogliere la falsità di tante parole e di tanti principi che vengono regolarmente disattesi ma che affiorano subito quando ci consentono di cogliere una “debolezza” in chi ci sta di fronte … Perché anche a tanti di noi, abituati a fare i conti con la cosiddettà “realtà”, smbra logico “non eccedere” …

Si, anche un gesto d’amore può essere visto come uno “spreco”! Anche “lavare i piedi” può essere irriso … non compreso! Come succederà anche a Pietro!

Giovanni ci dà così l’occasione di ristabilire il senso delle cose e di “entrare con Gesù” in questa settimana autentica: essa svela a noi, infatti, il senso della vita e ci rimanda alla “sequela” di Gesù, senza i ragionamenti dell’uomo “economico”, che pesa sulla bilancia solo quello che gli conviene … per fare nostro il criterio dell’uomo “della croce”, che sceglie sempre “la vita” per gli altri, a costo della propria!

Buona settimana “autentica”. La Pasqua si è fatta vicina a noi e ci sollecita a “rompere il guscio” che ci avvolge!

Domenica Inizio della settimana autentica – domenica delle palme, nella passione del Signore – 13/14 aprile
1.a lettura Isaia 52, 13 – 53, 12: Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca. Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua posterità? Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi, per la colpa del mio popolo fu percosso a morte.
2.a lettura Ebrei 12,1b-3: Avendo deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento.
Vangelo Giovanni 11, 55 – 12, 11: Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo.

Tagged under: