Loading…

Saluto di Don Norberto

Appuntamenti per salutare il Parrocco

Programma

Festa di Morosolo 2019

dal 3 al 9 settembre 2019

Programma

Settimana di Oratorio

Al rientro dalle vacanze... prima di andare a scuola... ci troviamo una settimana all’oratorio - 2/6 settembre 2019

Volantino

Orario estivo S. Messe

da sabato 13 luglio a domenica 25 agosto 2019

Orari
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

“Il trentesimo passo… nel buio” – 30 –

IL CAMMINO NELLO SPIRITO
Non esiste istante nell’arco dell’intero giorno che non si senta quello sguardo morboso e curioso del mondo che segue ogni nostro movimento: non esiste soglia, che ci sia oscurità o luce, nulla sfugge all’occhio demoniaco.

E’ lo sguardo dell’occhio che sa vedere solamente alla propria ‘altezza’, rivestendoci di quella fastidiosa sensazione dell’essere spogliati della nostra vita più profonda, noncurante di calpestare sentimenti: ‘accumuliamo punti’ violentando quella privacy così tanto ipocritamente menzionata.

Ma…

Secoli fa, veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo, secoli fa si posava sul mondo un altro ‘sguardo’, non ad altezza d’uomo, ma verso l’Alto.

E… a quanti però lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio …ed è lo ‘sguardo’ che il Figlio ha rivolto verso il Padre quando è giunta l’ora, in quel giardino, mentre  tristezza, pianto e solitudine gli sedevano accanto.

Eppure, poco prima aveva detto… Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove e io preparo per voi un regno, come il Padre mio l’ha preparato per me, perché mangiate e beviate alla mia mensa nel mio regno…

Allora, seduti nel giardino vegliando accanto al Maestro, saldi nell’attesa, solo con lui, sotto lo sguardo che ci riveste di Dio mentre, fuori, il basso sguardo del mondo non comprende, non può comprendere …

Alessandra

Sul monte degli Ulivi
Uscì  e andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunto sul luogo, disse loro: “Pregate, per non entrare in tentazione”. Poi si allontanò da loro circa un tiro di sasso, cadde in ginocchio e pregava dicendo: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo per confortarlo. Entrato nella lotta, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra. Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. E disse loro: “Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione” (Lc 22, 39-46)