Loading…

Se tu conoscessi...

Spettacolo teatrale, 29 settembre 2019 ore 21.00 - Chiesa di Casciago

Info

Iniziamo...insieme. Benvenuto don Emilio

Dal 27 al 29 settembre 2019 - Festa di inizio oratorio e ingresso del nuovo parrocco

Programma
  • 0
  • 1

“Il trentunesimo passo e OLTRE…” – 31 –

Si sceglie la destinazione, la stagione, cosa e quanto mettere in valigia, si pianifica l’itinerario e si curano i dettagli fino al giorno della partenza: è l’istante in cui si spicca il volo verso terre sconosciute carichi di curiosità.

il viaggio, la partenza, l’arrivo

Poi, si “tocca terra”, si compie il primo passo, spaesati e stupiti, si cerca con lo sguardo la guida, l’incrocio con gli occhi che ci guideranno: come le guide che attendono in aeroporto e, a braccia levate, sorreggono l’indicazione della nostra meta.

E poi?!
Un Altro viaggio …

Lui, il principio e la fine

E’ così che si ripete da più di duemila anni, nei secoli dei secoli.
La guida è unica, sempre e solo Lui, il Maestro e, la meta che indica ad ogni uomo, la sorregge tra le mani levate verso i cieli.

E’ il viaggio senza tempo, perché il tempo non esiste, o meglio, è Il viaggio che percorre la parabola da Pasqua a Natale, sì, perché non esiste Natale senza la Pasqua.

A noi è chiesto solamente di credere e di seguire, perché tutto è già “programmato” e nulla è lasciato al caso … E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura …

Si parte baciati dalle acque del Giordano, in cammino attraversando terre aride e ricche, si cammina tra miracoli e parabole, benedizioni e tentazioni, incontrando increduli e credenti, su e giù in un vortice sino a perdere l’orientamento.

Impossibile e vietato cercare di comprendere, pensare o decidere, – Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso – , sarà il viaggio fino ai confini della terra.

Questo è quello che abbiamo fatto seguendo il Vangelo, guidati dallo Spirito, ubriachi di Dio, – Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi – ora non rimane che andare avanti, ognuno con il proprio passo, fino a quando…

La Gerusalemme celeste

Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più.

Ascoltami, Seguimi, Abbracciami …

Alessandra

Ultime istruzioni agli apostoli
Poi disse: “Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi”. Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: “Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto”. 

L’ascensione
Poi li condusse fuori Betania e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.