Loading…

Avvento 2019

Proposte e spunti di riflessione per l'Avvento 2019 aggiornati ogni settimana

Scarica qui

Natale 2019

Orari delle celebrazioni e delle confessioni

Info

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2

Ascolta: una “alleanza” generativa

Il confronto fra la prima alleanza, paritetica, e la seconda, unilaterale, è difficile da comprendere e fare nostro; non solo per la difficoltà a “mantenere i patti” che ci contraddistingue sempre, ma soprattutto per l’immagine di Dio che ci abita.

Nessuna alleanza umana è così unilaterale da conciliare “comunione” e “misericordia”, relazione e difficoltà, condivisione e distanza … e questa è la “via” percorsa da Dio e manifestataci nella morte e resurrezione di Gesù! Per questo una simile alleanza non ha bisogno di “contraenti”, ma di “testimoni”, come ci rende evidente il discepolo Giovanni: “Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate”.

E’ bello riflettere su quanto questa “alleanza” sia “generativa”! E’ proprio questo il segno che ne dimostra, da parte nostra, la comprensione. L’incontro con il Signore non ci riguarda mai singolarmente, non è mai separabile dall’incontro con l’altro ed anzi ci spinge all’incontro col fratello.

Non ci sorprenda la scelta liturgica che fa spazio alla morte di Gesù, che “consegnò lo spirito”. E’ questo suo affidamento che domanda anche a noi di affidarci a “chi ci porta” dentro l’alleanza con il Padre; per riconoscerci “figli” ed essere capaci di “testomonianza”.

Le pagine liturgiche sono un invito esplicito a non fermare la nostra attenzione sul passato e sulla storia; sono infatti invito a “partire”, a prendere il via, come avviene a Giovanni che diventa consapevole che il suo compito, ora, è quello di “confermare” gli altri nella fede … e di generare alla vita altri fratelli.

Si inizia gia, con questa domenica, a scorgere sullo sfondo la figura dell’altro Giovanni, il battezzatore, figura massima del “testimone” con cui siamo chiamati a riconoscerci e rinnovare la nostra sequela del Signore.

Domenica 6ª Domenica dopo pentecoste – 20/21 luglio
1.a lettura Esodo 24, 3-18: Quindi prese il libro dell’alleanza e lo lesse alla presenza del popolo. Dissero: «Quanto ha detto il Signore, lo eseguiremo e vi presteremo ascolto».
2.a lettura Ebrei 8, 6-13a: E questa è l’alleanza che io stipulerò con la casa d’Israele dopo quei giorni, dice il Signore: porrò le mie leggi nella loro mente e le imprimerò nei loro cuori. … Perché io perdonerò le loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati». Dicendo alleanza nuova, Dio ha dichiarato antica la prima.
Vangelo Giovanni 19, 30-35: Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate.