Loading…

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2

Figli dell’Altissimo

La liturgia di questa doemnica ci dà l’occasione di riflettere sulla bellezza del “punto di vista” di Dio sull’uomo e sul creato; essa è una “scelta” che esige da ogni credente di essere assunta e fatta propria!

Noi ne facciamo spesso una questione di misura e ci domandiamo: fino a che punto è giusto essere buoni, comprensivi, perdonare, amare ? … dimostriamo così di non aver compreso la “scelta” e il “punto di vista” di Dio, che non vede nell’altro … un altro o addirittura un “nemico”, ma un “figlio”! E chi vede nell’altro un “figlio”, il riflesso della propria “immagine”, non può stabilire misure, limiti … tutto diventa possibile!

Per questo il tema di questa domenica non è la “misura” ma la “prospettiva”; non è “osservare il sabato” (rispettare le regole) ma viverlo “senza profanarlo” (facendo nostra la prospettiva di Dio); non è “giudicare” o “condannare” ma essere “misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.

E’ questa prospettiva, questa disciplina, che fa di noi dei “figli dell’Altissimo”! Persone che non si illudono di essere migliori, ma sanno che “è dando, che si riceve;
perdonando, che si è perdonati; morendo che si risuscita a vita eterna”.

E’ questa prospettiva che ci rende responsabili verso il mondo e verso il creato, verso i familiari e la comunità in cui viviamo, verso il lavoro e verso il futuro. E’ una “scelta” da condividere (“accoglietevi perciò gli uni gli altri”) e da porsi davanti “con gioia” soprattutto ora, all’inizio di questo anno pastorale e all’inizio del cammino con don Emilio.

Si, c’è una “immagine di Dio” in ogni uomo! A noi è affidata la gioia di accogliere e fare nostra la prospettiva del Signore, così da diventare ed essere “figli dell’Altissimo”: “per la gloria di Dio”, come ci ricorda Paolo!

Domenica 5ª domenica dopo il martirio di Giovanni – 28/29 settembre
1.a lettura Isaia 56, 1-7: Quanti si guardano dal profanare il sabato e restano fermi nella mia alleanza, li condurrò sul mio monte santo e li colmerò di gioia nella mia casa di preghiera.
2.a lettura Romani 15, 2-7: Il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti, sull’esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo.
Vangelo Luca 6, 27-38: Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.

Tagged under: