Loading…

Elezione Consiglio Pastorale

Domenica 20 ottobre 2019 - rinnovo del Consiglio Pastorale per il mandato 2019-2023

Elenco candidati

Calendario Proposte

Cliccando sul pulsante è possibile consultare il calendario delle proposte del mese di ottobre

Calendario

Sulla tua Parola vogliamo essere Chiesa in uscita

Ottobre missionario 2019 - tre incontri: giovedì 10, 17 e 24 presso il salone dell'oratorio di Casciago

Info
  • 0
  • 1
  • 2

Cose nuove e cose antiche

La Parola di questa settimana sostiene il desiderio di chi attende il cambiamento ed è disposto ad investire qualcosa di suo, perché questo avvenga. Il tema riguarda in particolare i “discepoli del regno”, tutti quelli che si riconoscono nel progetto di Dio di “radunare tutte le genti e tutte le lingue”.

Il tema può sembrarci alto oppure lontano … ma ci è necessario per essere “discepoli” concreti e cogliere, nella realtà di ogni giorno, lo “sguardo” da assumere! La sequenza dei tre brani che le scritture ci propongono ci ricorda i tre passaggi che ci sono richiesti: comprendere e fare nostro il progetto di Dio, riconoscere in Gesù e nello Spirito l’agire di Dio Padre che ci “libera” e rende “figli”, investire infine le nostre risorse per il “regno dei cieli”.

I tre passaggi ci consentono di passare dal “bello” (il “sogno” in cui tutti possiamo ritrovarci) al “dono” da accogliere (Gesù Cristo e lo Spirito Santo) e quindi al “regno”, dove si manifesta la capacità di estrarre “cose nuove e cose antiche”.

Combinare “nuovo” e “antico” non sono solo un suggerimento o un consiglio: sono la “via” che esprime la “sequela”; essa nasce dalla consapevolezza che il Signore ci precede e ci sta davanti, che il “nuovo” nasce solo dal suo ascolto, dal comprendere “le sue vie”, dal riconoscere i suoi “segni”; esprime quindi riconoscenza a chi, prima di noi, ha assecondato e fatto proprio il progetto di Dio, cercando di “reincarnare” nella vita di oggi i “segni” dell’amore di Dio per l’uomo.

La Parola si fa così invito e sostegno a tutti quelli che cercano di essere “discepoli del regno”, mettendoci del proprio per estrarre dal “tesoro” (che riceviamo in “dono” dal Signore e da chi ci ha preceduto) “cose nuove e cose antiche”! Si fa sollecitazione a liberarsi dal passato e dalle consuetudini che ci trattengono; si fa invito a cercare nuove forme con cui testimoniare oggi l’amore di Dio. Da qui scaturisce l’accoglienza del “regno” e la fiducia che il Signore porterà a compimento ciò che ha iniziato in noi (proprio come avviene, secondo la “buona notizia” di oggi, per “un uomo”, per “un mercante” e per “una rete” …).

Domenica 7ª domenica dopo il martirio di Giovanni – 12/13 ottobre
1.a lettura Isaia 66, 18b-23: «Io verrò a radunare tutte le genti e tutte le lingue; essi verranno e vedranno la mia gloria».
2.a lettura 1ª Corinzi 6, 9-11: Siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e nello Spirito del nostro Dio.
Vangelo Matteo 13, 44-52: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

Tagged under: