Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Il “re” dell’universo

Giunti al termine dell’itinerario liturgico di questo anno, siamo invitati a cogliere il tema del “regno dei cieli”, di cui spesso i Vangeli ci parlano, in tutta la sua estensione; siamo invitati ad abbracciare tutti i popoli, tutte le genti, tutto il creato e a coglierne il legame con il “re”, il Signore Gesù Cristo.

Dopo aver riflettuto su tanti particolari della vita cristiana, siamo ora invitati a cogliere l’integrità e la totalità del nostro vivere “in Cristo”, al punto che non é possibile separare ciò che si “crede” da ciò che si “fa”.

Emergono con forza, dalle letture di questa domenica conclusiva, tra le “visioni notturne”, i due estremi: la morte (l’ultimo “nemico”, secondo Paolo) e il “regno”: se la morte è l’evento della separazione, il regno è il luogo del banchetto e della riunione finale di tutti i “benedetti del Padre”. E Dio, che “vede” con chiarezza quello per cui ciascuno vive ed opera, “benedice” ed accoglie …

La pagina della “buona notizia” che riassume tutto il Vangelo di Matteo ci mostra quella unità di intenti e di cuore che costituisce l’uomo, nel momento in cui accoglie la “signoria” del Signore. Questo uomo diventa capace di libertà e giustizia, perché non si preoccupa più di sé stesso, ma degli altri; non cerca la compagnia dei potenti, ma il suo sguardo è capace di attenzione ai piccoli …

Così la Parola di questa settimana si fa invito a “ricapitolare” ogni cosa “in Cristo”, a cogliere il senso stesso del “regno”, il progetto di Dio sull’uomo e sul creato, di cui il “Signore” e “re” è Gesù Cristo. La sua figura e la sua vita sono l’esempio e il “prototipo” di ogni “vita in Cristo”. Per questo nel suo nome si chiude l’anno liturgico e nel suo nome veniamo invitati a rimetterci, con gioia, alla sua “sequela”!

Domenica Nostro Signore Gesù Cristo, re dell’universo – Ultima domenica dell’anno – 9/10 novembre
1.a lettura Daniele 7, 9-10. 13-14: Gli furono dati potere, gloria e regno; tutti i popoli, nazioni e lingue lo servivano: il suo potere è un potere eterno, che non finirà mai, e il suo regno non sarà mai distrutto.
2.a lettura 1ª Corinzi 15, 20-26.28: È necessario infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L’ultimo nemico a essere annientato sarà la morte.
Vangelo Matteo 25, 31-46: «Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi».