Loading…

Festa patronale di Luvinate

dal 29 giugno al 12 luglio 2020

Programma

Attività estive 2020

Informazioni e sondaggio da compilare per chi è interessato all’iniziativa ENTRO MARTEDI’ 9 GIUGNO.

Info
  • 0
  • 1

I “segni”: la parola che libera

Anche la Parola di questa ultima domenica del tempo dopo l’Epifania chiede di essere accolta come un “segno” e come un “seme”, che apre il cuore e genera vita, perché ci offre il segno del “perdono” e ci libera dalla paura.

Tutte le letture ci mostrano, infatti, che “ciò che era impossibile” … “Dio lo ha reso possibile: mandando il proprio Figlio”! E’ proprio il figlio dell’uomo, attraverso la parabola del “Padre misericordioso”, che ci fa comprendere l’amore con cui Dio guarda a noi, a prescindere dal nostro essere buoni o cattivi, dal nostro essere presenti o assenti, dal nostro essere con lui per paura o per convenienza … nel tentativo di liberarci e farci innamorare, così da “corrispondere” al suo amore, come ci ricorda Osea.

Il “per-dono”, nella Scrittura, é innanzi tutto un “dono”, una porta che si apre, una via che ci è offerta per tornare alla vita, per “trasformare” l’acqua in vino, le lacrime in gioia: «mi chiamerai: “Marito mio”, e non mi chiamerai più: “Baal, mio padrone”».

La manifestazione di Gesù, iniziata con il giorno della rivelazione ai magi, trova oggi compimento nel suo essere testimone dell’amore di Dio per l’uomo: così il “per-dono” di cui sono stati testimoni la “donna sorpresa in adulterio”, domenica scorsa, e i due “figli dell’uomo”, oggi, ci libera dalla paura e ci rimette in cammino, ci introduce nel tempo che Dio ha ora preparato per noi: “ecco, io la sedurrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore”.

La parola che libera sostenga il nostro desiderio di conversione, di orientare il cammino, personale e comunitario, secondo la sua volontà; e di lasciarci “sedurre”, “condurre” ed “ardere il cuore”.

Domenica Ultima domenica dopo la manifestazione del Signore Gesù – del perdono – 22/23 febbraio
1.a lettura Osea 1, 9a; 2, 7a.b-10. 16-18. 21-22: Perciò, ecco, io la sedurrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore.
2.a lettura Romani 8, 1-4: Fratelli, non c’è nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù.
Vangelo Luca 15, 11-32: Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.