Loading…

Percorso di iniziazione cristiana, 1° anno

Presentazione e informazioni sul percorso di iniziazione cristiana 2020-2021

Info

Festa di Morosolo 2020

dal 17 al 21 settembre 2020

Programma

NUOVO ORARIO DAL 1 SETTEMBRE 2020

Da leggere con cura! Nuovo orario delle celebrazioni in vigore dal 1 settembre 2020

Info
  • 0
  • 1
  • 2

Chi é Gesù?

Inizia oggi il periodo che segue il martirio di Giovanni e l’avvio della missione in mezzo a noi di Gesù; nel riprendere questo passaggio non possiamo quindi evitare la domanda di Erode, che pensando di essersi “liberato” di Giovanni si vede alle prese con un uomo che gli altri mettono subito in relazione con Giovanni, con Elia e con i profeti …

Erode avverte subito che questa gente é un pericolo, perché non fa riferimento agli uomini, ma al Signore Dio; non segue la logica del mondo … e non é facile ridurla al silenzio. Questa contrapposizione a noi sembra decisamente passata e ci parla, in apparenza, di un contrasto non necessario, di una differenza che non ci appartiene …

Ci aiutano, allora, la lettura di Isaia, ricordandoci il progetto di Dio: “io creo nuovi cieli e nuova terra” e quindi Paolo che scrive agli Efesini: “Svégliati, tu che dormi, risorgi dai morti e Cristo ti illuminerà”. Ovvero: il contrasto é necessario, perché “luce” e “tenebre” si oppongono e non sono conciliabili … e ci servono uomini “nuovi”!

Si, Gesù é colui che prende il testimone lasciato dai profeti, da Elia e da Giovanni e non si sottrae alle attese di chi attende “nuovi cieli e nuova terra”, di tutti coloro che cercano “luce”. Così Gesù “le accolse e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure”.

Occorre sottolineare fin dall’inizio che la necessità del contrasto non riguarda mai gli strumenti: anzi, la contrapposizione tra la “luce” e le “tenebre” si manifesta proprio nella scelta di strumenti chiari, alla portata di tutti, capaci di aprire una strada … e che non fanno mai uso del potere o della violenza …

Troviamo quindi in Gesù, fin dall’inizio, accoglienza, parola e cura. Sono atteggiamenti molto chiari e si fanno invito ad essere fatti nostri, in questo tempo di pandemia. Domandarsi “chi é Gesù” ci può aiutare a conoscere meglio chi é Lui, i tratti del suo agire, e chi siamo noi: perché anche per noi, come per Erode, Gesù può essere un rischio o una liberazione; uno da evitare oppure la “via”!


In questa domenica che segue il martirio di san Giovanni il Precursore, mentre rimane per tanti la necessità di non condividere la Messa con i fratelli e le sorelle, ascoltiamo insieme, quando si pranza o nel momento ritenuto più opportuno, il brano del Vangelo di Luca al capitolo 9, dal versetto 7 all’ 11.


Domenica 1ª domenica dopo il martirio di san Giovanni il Precursore – 29/30 agosto
1.a lettura Isaia 65, 13-19: Ma i miei servi saranno chiamati con un altro nome.
2.a lettura Efesini 5, 6-14: Non partecipate alle opere delle tenebre, che non danno frutto, ma piuttosto condannatele apertamente.
Vangelo Luca 9, 7-11: Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?»